Discussioni AttiveDiscussioni Attive  Mostra la lista degli UtentiLista Utenti  Cerca nel ForumCerca  HelpHelp
  RegistrazioneRegistrazione  LoginLogin
CINEMA
 FORUM - HorrorMovie : CINEMA
Oggetto Discussione: Cimitero Vivente Posta RispostaInserisci Nuova Discussione
Autore
Messaggio << Discussione Prec | Discussione Succ >>
alicecooper
Iper-Orrorifico
Iper-Orrorifico
Avatar

Registrato: 22 July 2011
Residenza: Italy
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 19968
Postato: 23 October 2012 alle 6:28pm | IP Salvato Riporta alicecooper

Credo di non averlo mai visto. 

__________________
"Non era una bestia qualsiasi, nonostante la criniera e la straordinaria fila di denti; lo trafiggeva con occhi che brillavano di uno sdegno che nessun animale avrebbe potuto provare."
Top ^ Letto alicecooper's Profilo Cerca per altri Messaggi per alicecooper
 
Nick@Nick
Iper-Orrorifico
Iper-Orrorifico
Avatar

Registrato: 23 December 2006
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 7027
Postato: 23 October 2012 alle 6:39pm | IP Salvato Riporta Nick@Nick

In effetti la Mediaset non l'ha trattato molto bene.

Miko non interpretava un personaggio fisso, bensì un personaggio ricorrente, ma lo ricordo ancora come una delle figure di spicco del telefilm: era un bambino che polemizzava, in maniera molto bastarda, in mezzo a tanti amichetti buonisti.

Chiudo qui il mini off-topic .



__________________
Cimitero: Akira, Alex, Andromeda, Baggio, Chop-Top, Demonia, El Charro, Fefeweb, God, Isa, Jack, Jason, Jeimz, Kakihara, Michael, Minerva, Mrs. Voorhees, Papajup, Pin, Sadako, Stuart, Suspi, Vanessa.
Top ^ Letto Nick@Nick's Profilo Cerca per altri Messaggi per Nick@Nick
 
The Carver
Maniaco
Maniaco
Avatar

Registrato: 28 December 2009
Residenza: Italy
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 848
Postato: 07 May 2013 alle 8:20am | IP Salvato Riporta The Carver

il primo è un gioiellino di film. In molte occasione mette davvero i brividi (la sorella!), ottima interpretazione del baby-killer! Il 2 è sicuramente inferiore al bellissimo primo capitolo ma comunque regala lo stesso qualche emozione. Buoni gli effetti splatter, da vedere senza troppe aspettative.


__________________
Beauty is a curse on the world, It keeps us from seeing who the real monsters are.
Top ^ Letto The Carver's Profilo Cerca per altri Messaggi per The Carver
 
deathcross
Moderatore
Moderatore
Avatar

Registrato: 14 January 2013
Residenza: Italy
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 1596
Postato: 10 April 2016 alle 6:48pm | IP Salvato Riporta deathcross

Visto giovedì, eccovi (se ancora c'è qualcuno/a) la mia 'recensione'.
Attenzione agli SPOILER!

Tragedia Horror tratta da King.

Mary Lambert non mette in scena un Capolavoro come "Carrie" o "The Shining", ma riesce a mantenere una Personalità Registica indipendente quanto basta dall'ingombrante ombra (qui 'incarnata' in un cammeo da prete) del celeberrimo Scrittore del Maine (il quale, dopo l'Opera Kubrickiana, ha tenuto molto stretta la sua mano sulle trasposizioni dei suoi libri, a discapito della Libertà Artistica dei vari Registi).
Il protagonista non è il solito scrittore (auto)ritratto di King e questo contribuisce certamente a differenziare lo Spirito del Film in questione dal resto della Filmografia 'Kinghiana', ma è l'Ottica squisitamente Femminile della Messa in scena a rendere "Pet Sematary" un'Opera Cinematografica autonoma, nonostante come sempre si avvertano molto anche i gusti e gli stilemi kinghiani (ma del resto pure Cronenberg e Carpenter, rispettivamente con "The Dead Zone" e "Christine", han dovuto affiancare il proprio Stile e la propria Sensibilità Artistica a quella di King).
La Follia del Protagonista è inspiegabile, criptica anche se 'giustificata' dal Dolore perché, come si dice nel Film, "Any woman who knows anything will tell you she's never seen into a man's heart" ('Ogni donna che sa qualcosa ti dirà che non ha mai visto dentro il cuore di un uomo': noi uomini, invece, abbiamo spesso la pretesa di riuscire a decifrare la mente delle donne, degli altri uomini e in generale di tutti/e e tutto).
Per come la vedo io, la Sofferenza per la perdita del figlio è, inconsciamente, una scusa che l'uomo adotta per nascondere a sé stesso la propria smania di potere sfidando Dio/le Divinità/la Natura/il Demiurgo/eccetera per violare il Mistero della Vita e,soprattutto della Morte, come nel Classico Immortale "Frankenstein" (anch'esso narrato da una Donna).
Il Gusto Tragico si avverte nei topoi (qualche malelingua e/o ignorante potrebbe definirli cliché) dell'Avvertimento, terreno (Jud) e ultra-terreno (il Fantasma), inascoltato, del Dramma della Perdita e dell'Auto-Distruzione da parte del Protagonista.
Il Finale è semi-aperto, ma all'Orrore: non c'è Speranza, perché essa è stata buttata via in favore di una falsa illusione.
La Volontà innocente (e, per certi versi, 'fideistica') di credere da parte di Ellie nella possibilità di ritorno del fratellino viene trasformata o, meglio, deformata da Louis in Delirio: l'Incertezza della bambina lascia aperta la porta della Speranza, mentre la Certezza (nella finzione del Film fondata sui fatti concreti, ma a me interessa valutare la Certezza in quanto tale) da parte dell'adulto precipita tutto in un baratro di Delirio che, come il Fanatismo, porta solo alla Rovina di sé e dei propri cari.

La Regia della Lambert è solida, 'classica', ma come ho già anticipato precedentemente non scade in una direzione 'di mestiere' inquadrata servilmente ai dettami di King (come accade invece con Garris), e l'Autrice propone diverse soluzioni Cinematografiche di Grande Interesse: il passaggio dai titoli di testa al camion che sfreccia (ripreso da sotto) introduce con Gusto il Tema della Strada Assassina (l'opera dell'umanità che uccide la Natura, incluso sé stesso), le scene oniriche sono di Fortissimo Impatto Orrorifico nell'uso delle luci e nella scelta delle inquadrature (in particolare la premonizione di Rachel), i flahback sono inseriti nel Film con intelligenza e non come 'inserti obbligati' (quello in cui Jud racconta del cimitero indiano poi si integra così bene con la linea narrativa principale tanto da svelare la propria natura dopo un bel po' di secondi) l'approssimarsi della Prima Tragedia (la morte di Gage, il figlioletto di Louis) è costruito tenendo la Tensione a Livelli Altissimi e le successive sequenze colpiscono nell'intimo lo spettatore (o la spettatrice) portando alla commozione senza usare trucchetti melodrammatici ma puntando sulla rapidità spiazzante degli avvenimenti (come la 'rissa' al funerale tra il protagonista e il suocero).
Il Finale poi chiude splendidamente la Pellicola con un Gusto Macabro che il (più o meno consapevole) maschilista medio troverebbe impossibile per una donna (stereotipamente associata a filmetti sentimentali smielati, ma la realtà smentisce decisamente 'ste stronzate reazionarie) restando nel contempo meravigliosamente Tragico: ma chiunque conosca un po' la Letteratura saprà che le Tragedie, dall'Antica Grecia a Shakespeare e oltre, propongono diverse scene dall'Atmosfera decisamente (pre)Horror.
Il cast è piuttosto buono e, soprattutto, ben diretto (anche se il protagonista ogni tanto pare un po' imbambolato, ma forse sono io che mi affeziono poco ai protagonisti non sovversivi), le scenografie sono in linea col Gusto Horror della Regista e le musiche coinvolgono.
Menzione d'onore per la canzone omonima finale dei Ramones.

Non un Capolavoro (come ho detto, King è troppo ingombrante per lasciare completamente libera la Creatività di chi sta alla Regia delle sue trasposizioni), ma la Lambert firma un Horror di Grande Qualità che sfata il pregiudizio idiota dell'Horror come genere 'macho'.

__________________
Ora affronterai il mare delle Tenebre, e ciò che in esso v'è d'esplorabile.
Top ^ Letto deathcross's Profilo Cerca per altri Messaggi per deathcross Visite deathcross's Homepage
 

Se vuoi postare una risposta prima devi login
Se non sei ancora registrato prima devi registrarti

<< Prec Pagina di 4
  Posta RispostaInserisci Nuova Discussione
Versione Stampabile Versione Stampabile

Cambia Forum
Non Puoi postare nuove Discussioni nel Forum
Non Puoi rispondere alle Discussioni del Forum
Non Puoi cancellare i tuoi Messaggi nel Forum
Non Puoi modificare i tuoi Messaggi nel Forum
Non Puoi creare sondaggi nel Forum
Non Puoi votare sondaggi nel Forum

Powered by Web Wiz Forums version 7.97
Copyright ©2001-2006 Web Wiz Guide

Pagina generata in 0,0780 secondi.