Discussioni AttiveDiscussioni Attive  Mostra la lista degli UtentiLista Utenti  Cerca nel ForumCerca  HelpHelp
  RegistrazioneRegistrazione  LoginLogin
CINEMA
 FORUM - HorrorMovie : CINEMA
Oggetto Discussione: Il Buio si Avvicina Posta RispostaInserisci Nuova Discussione
Autore
Messaggio << Discussione Prec | Discussione Succ >>
Sagat
Iper-Orrorifico
Iper-Orrorifico
Avatar

Registrato: 15 April 2011
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 2612
Postato: 16 October 2012 alle 7:59pm | IP Salvato Riporta Sagat

 TRAMA: Un ragazzo di campagna si imbatte in un'affascinante coetanea che sirivelerà essere un vampiro. Cade così vittima di una micidiale seta di Dracula che si aggira per il paese, e solo la sua forza di volontà gli consentirà di non cedere all'istinto assassino che ora scorre nelle sue vene.

Horror "on the road" a base di vampiri...grandi ambientazioni, grande fotografia e grandi atmosfere per una atipica storia d'amore!
Molto bella la messa in scena della Bigelow, i volti che si infiammano alla luce del sole sono immagini che rimangono impresse e ottima la sceneggiatura di Eric Red che mette da parte l'iconografia classica del vampiro,suggestiva anche la colonna sonora dei Tangerine Dream.

TRAILER: http://www.youtube.com/watch?v=m1HxiiDas28

Top ^ Letto Sagat's Profilo Cerca per altri Messaggi per Sagat
 
alicecooper
Iper-Orrorifico
Iper-Orrorifico
Avatar

Registrato: 22 July 2011
Residenza: Italy
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 19968
Postato: 16 October 2012 alle 8:57pm | IP Salvato Riporta alicecooper

Stupendo film della Bigelow che rappresenta un'eccellente variazione sul tema dei vampiri.
Colonna sonora dei Tangerine Dream fantastica. Jenny Wright è ammaliante come sempre... una delle mie attrici preferite, anche se fondamentalmente la conosco solo per questo film, Sola in quella casa, Il tagliaerbe e The Wall.
Lance Henricksen è un mito come a suo solito ed il resto del cast (con un Bill Paxton completamente fuori di testa in bella evidenza) non è da meno.

In definitiva un film bellissimo che va visto obbligatoriamente!


__________________
"Non era una bestia qualsiasi, nonostante la criniera e la straordinaria fila di denti; lo trafiggeva con occhi che brillavano di uno sdegno che nessun animale avrebbe potuto provare."
Top ^ Letto alicecooper's Profilo Cerca per altri Messaggi per alicecooper
 
Djinn
Moderatore
Moderatore
Avatar

Registrato: 05 March 2006
Residenza: Italy
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 10946
Postato: 17 October 2012 alle 12:59pm | IP Salvato Riporta Djinn

Un bel film che non vedo da tempo, sicuramente uno dei più originali film di vampiri mainstream.

Ricordo che avevo trovato qualche difetto a livello di scenggiatura, riguardo una trasfusione di sangue un pò "improbabile" e un finale non proprio perfetto. Ma dovrei rivederlo perchè ho ricordi nebulosi a riguardo. 



__________________
Top ^ Letto Djinn's Profilo Cerca per altri Messaggi per Djinn Visite Djinn's Homepage
 
alicecooper
Iper-Orrorifico
Iper-Orrorifico
Avatar

Registrato: 22 July 2011
Residenza: Italy
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 19968
Postato: 17 October 2012 alle 2:06pm | IP Salvato Riporta alicecooper

In effetti la trafusione è un po' improbabile! 

__________________
"Non era una bestia qualsiasi, nonostante la criniera e la straordinaria fila di denti; lo trafiggeva con occhi che brillavano di uno sdegno che nessun animale avrebbe potuto provare."
Top ^ Letto alicecooper's Profilo Cerca per altri Messaggi per alicecooper
 
Norman Bates
Esperto
Esperto
Avatar

Registrato: 11 July 2011
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 357
Postato: 20 October 2012 alle 11:54pm | IP Salvato Riporta Norman Bates

Gran bel film, un piccolo cult che racconta i vampiri in maniera desueta. Pochissimi passaggi televisivi l'hanno reso ingiustamente poco conosciuto.Bellissima anche la locandina italica.
Top ^ Letto Norman Bates's Profilo Cerca per altri Messaggi per Norman Bates
 
alicecooper
Iper-Orrorifico
Iper-Orrorifico
Avatar

Registrato: 22 July 2011
Residenza: Italy
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 19968
Postato: 21 October 2012 alle 3:33pm | IP Salvato Riporta alicecooper

Norman Bates (Ha scritto):
Bellissima anche la locandina italica.

Peccato che non l'abbiano mantenuta anche nel dvd.


__________________
"Non era una bestia qualsiasi, nonostante la criniera e la straordinaria fila di denti; lo trafiggeva con occhi che brillavano di uno sdegno che nessun animale avrebbe potuto provare."
Top ^ Letto alicecooper's Profilo Cerca per altri Messaggi per alicecooper
 
Toby Dammit
Iper-Orrorifico
Iper-Orrorifico
Avatar

Registrato: 24 March 2006
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 4040
Postato: 22 October 2012 alle 10:10am | IP Salvato Riporta Toby Dammit

Sarò sincero: mi aspettavo di più. Consapevole che è un film originale, molto western come atmosfera, anche la trama è accattivante, ma dopo la visione mi mancava qualcosa.
Rimane sempre e comunque un ottimo film.

__________________
Theo van Gogh Vive
Top ^ Letto Toby Dammit's Profilo Cerca per altri Messaggi per Toby Dammit
 
The Carver
Maniaco
Maniaco
Avatar

Registrato: 28 December 2009
Residenza: Italy
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 848
Postato: 07 May 2013 alle 10:54am | IP Salvato Riporta The Carver

è una vita che non vedo questo film ma ne ho dei ricordi positivi.


__________________
Beauty is a curse on the world, It keeps us from seeing who the real monsters are.
Top ^ Letto The Carver's Profilo Cerca per altri Messaggi per The Carver
 
deathcross
Moderatore
Moderatore
Avatar

Registrato: 14 January 2013
Residenza: Italy
Stato Connessione: Sconnesso
Messaggi: 1596
Postato: 10 May 2016 alle 3:18pm | IP Salvato Riporta deathcross

Rivisitazione del Mito Vampirico in chiave 'contemporanea'.

La Bigelow realizza un Film più Western on the Road che Horror, in cui la piccola (anzi, piccolissima) comunità di Vampiri/e assume connotati da outlaws, da rejects 'mutanti' che sembrano anticipare i Devil's Rejects 'umani' di Rob Zombie (il quale, secondo me, ha studiato la scena dell'assedio diurno di questa pellicola per costruire l'incipit del suo Capolavoro).
Non c'è una divisione manichea e perbenista in buoni e cattivi: i sanguinari co-protagonisti non sono mostri o demoni brutti e cattivi ma 'soltanto' persone disperate che devono affrontare un mondo spietato (quale è il nostro mondo occidentale) con metodi altrettanto spietati.
La legge è inetta e moralisticamente stupida, nonché ipocrit: lo sceriffo a cui si rivolge il padre di Caleb è un coglione fatto e finito, e lo sbirro severo incontrato da Caleb in stazione è il tipico perbenista spara-sentenze (lo capiamo dallo sguardo infame) e alla fine dà i soldi al giovane invitandolo a tornare a casa (ma, per me, fregandosene di ciò che ne farà veramente il ragazzo, l'importante è lavarsi la coscienza).
Inoltre, il Vampirismo viene visto (quasi) come un Ritorno alla Natura intimamente e squisitamente Animalesca dell'Essere Umano, anche se però l'influenza nefasta della società si avverte assai e muta l'Istinto di Sopravvivenza del Predatore in una prevaricazione sadica tipica dell'americano medio, giocando con la mente e i nervi delle vittime.
In mezzo a questa situazione finisce Caleb, Individuo alla Ricerca di un suo Percorso, di un suo 'Habitat': adescando la bella Mae (in realtà da lei adescato) e ricevuto dalla ragazza il Morso, egli viene contagiato dalla 'maledizione' del Vampiro, ma la sua Natura pacifica gli impedisce di cedere alla Pulsione Omicida e questo gli porterà grossi problemi, diventando dipendente in modo morboso dal Sangue dell'amata come un parassita e rischiando di essere massacrato dai suoi compagni più cazzuti.
Fortunatamente per lui, troverà tutto il suo Coraggio durante l'Assedio della sbirraglia (chiamata da un pirlotto risparmiato da Caleb) sotto i raggi incendiari del Sole salvando la Compagnia mediante il recupero del furgone e grazie a questa impresa si guadagna il Rispetto della Gang.
Purtroppo, però, per un caso fortuito il Gruppo si imbatte nella famiglia del giovane (sorella e padre) partita alla sua ricerca, e per salvarla dalle grinfie dei suoi nuovo compari predatori fuggirà con essi.
Compie così una Scelta decisiva, la seconda Scelta dopo il folle salvataggio 'solare', dopo aver subito fino ad ora tanto il 'contagio' vampiresco quanto la sua incapacità di uccidere (infatti non salva consapevolmente e criticamente le 'sue vittime designate', ma rimane bloccato dall'abitudine): sceglie quindi di trovare nella sua Famiglia il proprio Habitat, e grazie ad una trasfusione fai-da-te del sangue paterno ritorna completamente umano.
Ma, come è comprensibile, i suoi ex-partners non possono perdonare il tradimento, e una notte rapiscono la sorellina, e Caleb non potrà evitare lo scontro che porterà alla morte di ogni singolo componente del Gruppo: Severen lo affronterà spavaldamente ed esploderà col camion guidato dal ragazzo (che riuscirà a scappare prima del botto), Homer morirà (iper)ustionato cercando di raggiungere disperatamente l'Illusione d'Amore rappresentato dalla sorellina di Caleb, Sarah, liberandosi dal destino beffardo di adulto intrappolato nel corpo di un bambino; infine, Jess e la compagna Diamondback si lanceranno in una suicida 'corsa' a bordo dell'auto lasciandosi consumare pian piano dal fuoco (causato dalla potenza del Sole) che culminerà nell'esplosione, decretando la Fine del 'Branco'.
Caleb riuscirà a salvare Mae e la (ri)porterà con sé nel mondo 'diurno'.
Un Film dominato da Personaggi Tragici (si veda l'introduzione di Mae) dove la Contrapposizione tra Luce e Tenebre, inevitabile quando ci si butta nel Tema Vampiresco, non si riduce alla banale e manichea dicotomia bene-male, ma si coniuga nell'impalbabilità che lega dividendole due Nature opposte: da un lato abbiamo il Richiamo della Notte e il suo Sublime Fascino di Terrore Eccitante e dall'altro la Nostalgia del Giorno con la sua Incendiaria Luce Vitale.

Registicamente parlando, la Bigelow dimostra di avere una Classe Magistrale, forse anche superiore a quella dell'ex-marito Cameron, sicuramente meno vincolata da un'ambizione puramente economica (anche se tutti i Film Cameroniani, anche quelli più smaccatamente 'blockbusterosi', possiedono una Rispettabilità Artistica e, innegabilmente, sono costruiti con un Impegno e una Pazienza che la maggior parte degli shooter montati di oggi non hanno): le riprese in controluce (molto vicine a quelle dell'australiano "Razorback") hanno un Sapore melanconicamente Country, il montaggio riesce a sospendere il Tempo facendo entrare lo Spettatore/la Spettatrice nella Pelle dei Protagonisti succhiasangue e pure nei 'virtuosismi' come il rallenty iniziale e le dissolvenze 'a tendina' non si scade mai nel mero esercizio di stile ma bensì si resta avvinghiati all'Atmosfera Tragica dell'Opera.
Le scene d'Azione sono diretteo con un'Abilità e un Gusto che mi son parse vicine alla Poesia della Violenza Peckinpehiana e, fortunatamente, lontane mille miglia dalle tamarraggini esaltate (e fascistoidi) delle grosse produzioni hollywoodiane action post-reagan.
Il trucco e gli effetti sorprendono nel loro 'realismo': le ustioni e il Sangue macchiano e deturpano le pelli dei Protagonisti senza paura di sembrare sporco e 'inelegante', contribuendo a rafforzare l'aspetto 'da strada' della pellicola.
La Colonna Sonora mescola abilmente il Sapore Western del Country (Strait) a quello Trasgressivo del Punk (The Cramps) grazie alla mediazione della 'soundtrack' principale firmata dagli elettronici Tangerine Dream.
Il Cast, infine, è diretto con Maestria ed è composto da attori e attrici che danno Vita pulsante ai rispettivi personaggi: Adrian Pasdar mette a nudo i Turbamenti interiori dello spaesato Caleb senza temere di 'umiliare' il Personaggio e, dopo la 'Svolta' della fuga dall'Assedio, assistiamo alla sua Crescita con una convinzione impressionante; Jenny Wright interpreta Mae trasudando la Tragicità della Ragazza, ormai da tempo rassegnata alla propria Natura 'imprigionata' nella Notte Omicida ma capace ancora di lasciarsi penetrare dal Barlume di Salvezza intravisto in Caleb, ma forse più che il 'Ritorno al Sole' (si presenta come estasiata dalla Sonorità della Notte) è il Desiderio d'Amore che la porta ad accettare la 'Cura' conclusiva.
I volti noti per Cameron non deludono minimamente diretti dalla Bigelow, anzi: Bill Paxton mette in mostra il sadismo schizzato di Severen esaltandone al contempo il Fascino insito nel suo Carattere adrenalinico e beffardo; Jenette Goldstein (la cazzutissima Vasquez di "Aliens") impersona con comodità e naturalezza la letale Diamondback caricando la sua indole amorevole, palpabile nelle sequenze dove la vediamo assieme al compagno di (non)vita Jesse e, soprattutto, nella Maternità con cui 'accudisce' il non-bambino Harold; Lance Henriksen dimostra ancora una volta di essere uno degli Attori più sottovalutati e ingiustamente misconosciuti di sempre, interpretando con una Bravura Encomiabile il Complesso e Carismatico 'capo-branco' Jesse, temibile e amabile, spietato e onorevole, inflessibile e rispettabile, più una guida spirituale che un leader, il cui rispetto è meritato dall'esperienza centenaria nel Mondo delle Tenebre, attento alla Sopravvivenza del Gruppo e perciò auto-destinato a morire quando vede che oramai la sua Famiglia è dissolta.
Davvero, si vorrebbe conquistare la Fiducia del 'branco' vampirico (e, personalmente, mi ha infastidito il 'tradimento' di Caleb e mi ha rattristato non poco la distruzione della gang), ma nel contempo si teme per la loro ferocia e non è possibile accettare di buon cuore la casualità spietata dei loro omicidi.
Menzione d'onore anche per il giovanissimo Joshua Miller (all'epoca 13enne), che allontana non facilmente riesce nel per nulla semplice compito di rendere 'adulto' il personaggio di Harold, allontanando il pericolo della tenerezza pucciosa per lasciare il posto alla Drammaticità commovente del 'piccolo adulto' dall'infanzia stroncata e costretto alla tensione enorme di dover dimostrare la propria maturità.
Cast 'non-vampirico' pure molto buono, specialmente il padre e la sorella di Caleb.

Un Vampiric Western (per certi versi anticipatore pure del "Vampires" Carpenteriano) molto più complesso di quello che potrebbe sembrare, perché sotto la scorza dell'entertainment nasconde un'Anima Socialmente attenta messa in scena con una Bravura Registica degna dello Status di Cult.
Direi che potrebbe essere definito senza paura un (piccolo) capolavoro, anche se personalmente l''happy ending' mi ha lasciato un tantino perplesso: ma, come ho accennato in una delle tante parentesi presenti nel testo, è una sensazione strettamente individuale legata al mio affetto per la 'Famiglia' di Vampiri/e e alla mia Brama di unirmi ad essa, e in ogni caso il fermo immagine conclusivo blocca la felicità della 'guarigione' di Mae lasciando una (per me) piacevolissima nota Amara in bocca.
Insomma, un SuperCult da vedere e amare se amate il Cinema con la C maiuscola (e non le robette tutto soldi e niente Anima come la stragrande maggioranza dei blockbuster action contemporanei).
Da vedere!

__________________
Ora affronterai il mare delle Tenebre, e ciò che in esso v'è d'esplorabile.
Top ^ Letto deathcross's Profilo Cerca per altri Messaggi per deathcross Visite deathcross's Homepage
 

Se vuoi postare una risposta prima devi login
Se non sei ancora registrato prima devi registrarti

  Posta RispostaInserisci Nuova Discussione
Versione Stampabile Versione Stampabile

Cambia Forum
Non Puoi postare nuove Discussioni nel Forum
Non Puoi rispondere alle Discussioni del Forum
Non Puoi cancellare i tuoi Messaggi nel Forum
Non Puoi modificare i tuoi Messaggi nel Forum
Non Puoi creare sondaggi nel Forum
Non Puoi votare sondaggi nel Forum

Powered by Web Wiz Forums version 7.97
Copyright ©2001-2006 Web Wiz Guide

Pagina generata in 0,0938 secondi.