NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |
: HMDB - HORROR MOVIE DATABASE  - il Primo Database Italiano di Film Horror :
Seleziona un criterio di ricerca..

Masters of Horror: Leggenda Assassina (Deer Woman)
Regia: J. Landis- Nazione:USA - Anno: 2005- Autore: Giuliano Giacomelli

Una serie di bizzarri omicidi sconvolge le forze dell’ordine di una tranquilla cittadina montana; le vittime sono tutti uomini, ritrovati mutilati e schiacciati fino alle ossa. Il caso viene subito affidato a Dwight Faraday, detective declassato e sull’orlo della depressione che, indagando sulle scene dei crimini, scoprirà che tutti gli indizi rinvenuti conducono ad una figura mitologica degli indiani d’America, una mostruosa creatura metà donna e metà cervo.

“Deer Woman” (ribattezzato per il mercato italiano con l’anonimo titolo “Leggenda assassina”) è il sesto episodio della prima stagione dei Masters of Horror e per portare a compimento tale opera è stato ingaggiato John Landis, regista maggiormente noto al pubblico per la realizzazione di commedie dai toni più o meno demenziali ma che, di tanto in tanto, non ha risparmiato incursioni nel nostro genere preferito riuscendo persino ad offrire ottimi prodotti capaci di segnare gli annali del genere. A lui dobbiamo l’esistenza di note commedie, ormai delle vere pietre miliari tra le pellicole comiche, come “Animal House”, “Blues Brothers” e “Una poltrona per due”, ma come già Leggenda Assassinaaccennato, Landis in più occasioni ha voluto dire la sua nel panorama horror dirigendo pellicole di un certo spessore come il bellissimo “Un lupo mannaro americano a Londra”, come “Amore all’ultimo morso” e si potrebbe citare anche il celebre video musicale “Thriller” della canzone pop-rock di Michael Jackson. Insomma, pur con non molti titoli horror alle spalle, John Landis non sfigura certo tra la ristretta cerchia dei Maestri dell’Horror.
Con “Deer Woman”, John Landis, realizza un’opera degna di portare il suo nome grazie ad una storia semplice, originale e capace di intrattenere lo spettatore divertendolo dal primo sino all’ultimo minuto di questo breve ma efficace racconto. Ancora una volta Landis non si smentisce e da buon fanatico della commedia di grana grossa realizza un episodio dei Masters of Horror continuamente in bilico tra l’horror e lo humour, un episodio in grado di esprimere a pieno la sua personalità e di portare la sua firma non solo attraverso i titoli di testa . Leggenda Assassina
Di conseguenza, dunque, ci troviamo tra le mani un episodio non propriamente horror che predilige sacrificare lo spavento in favore della risata, ma occorre evidenziare il fatto che la componente comedy va ad inserirsi nel racconto in maniera assai sapiente, con naturalezza, senza mai scadere eccessivamente nel demenziale o ancor peggio nel ridicolo (fatta eccezione per un’irresistibile sequenza in cui il protagonista immagina come sia potuto avvenire l’omicidio di un camionista). Oltre a questo riuscitissimo connubio tra l’horror e la commedia (in cui Landis si dimostra davvero un maestro) occorre dire che “Deer Woman” funziona molto bene anche in tutte le altre sue componenti. Il plot alla base del progetto risulta piuttosto intrigante poiché affronta, in maniera comunque originale, un tema poco sfruttato dal cinema horror prendendo in esame la mitologia indiana costantemente intenta a comunicare il predominio che svolge la natura sulla razza umana.
Meritevole di lode si mostra la sceneggiatura, scritta a quattro mani dallo stesso John Landis e da Max Landis, dotata di grande ritmo, ottimi dialoghi veloci ed irriverenti (capaci di suscitare più di qualche risata) e grande interesse nel caratterizzare i vari personaggi, interessanti e capaci di giocare con i più diffusi stereotipi senza mai cadere nel banale o nel già visto. Leggenda AssassinaL’unica pecca che, forse, può essere individuata all’interno della sceneggiatura può riscontrarsi nell’elaborazione del finale un po’ troppo frettoloso e privo di un vero e proprio climax.
Anche il cast se la cava molto bene, ma attenzione particolare spetta al simpatico Brian Benben, perfettamente calato nei panni del detective protagonista, e la giovane Cinthia Moura nelle vesti della sexy ed accattivante donna cervo.
Non sarà certo l’episodio più horror della prima serie dei Masters of Horror ma appare certamente uno tra più riusciti ed interessanti lavori di questa prima stagione. John Landis continua ad affermare una certa dimestichezza dietro la macchina da presa; sarebbe interessante vederlo più spesso alle prese con prodotti affini al genere horror.

Visiona il trailer di LEGGENDA ASSASSINA


Votazione:  |  Registrati al forum e commenta la recensione

Tags.............................. masters of horror, deer woman, leggenda assassina, john landis, donna cervo

*Inserisci La Tua e-mail               
*Inserisci la e-mail del destinatario