NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |
: HMDB - HORROR MOVIE DATABASE  - il Primo Database Italiano di Film Horror :
Seleziona un criterio di ricerca..

Resident Evil: Afterlife 3D
Regia: P. W.S. Anderson- Nazione:USA - Anno: 2010- Autore: Roberto Giacomelli

Alice e i suoi cloni giungono nei laboratori della Umbrella Corporation di Tokyo per eliminare Wesker, il capo della multinazionale che creato il T-Virus. Dopo uno scontro corpo a corpo tra la donna e il diabolico Wesker, i due sono messi fuori combattimento da un incidente. Alice perde i suoi poteri, Wesker sembra morto nello scontro.
Sei mesi dopo, Alice è in arrivo ad Arcadia, avamposto in Alaska incontaminato dal virus, dove si riunisce a Claire. La donna, però, ha perso la memoria e il luogo è rimasto praticamente deserto. Insieme le due donne si dirigono in aereo verso Los Angeles e trovano rifugio in una prigione abbandonata insieme a un gruppo di sopravvissuti. Ora l’obiettivo è raggiungere una nave ancorata vicino alla costa da cui proviene una comunicazione radio che invita tutti i sopravvissuti in ascolto a raggiungerli per trovare salvezza altrove.

In un periodo letteralmente invaso dai morti viventi in celluloide (“Survival of the Dead”, “Benvenuti a Zombieland”, “The Horde”), arriva puntuale anche il quarto capitolo della saga cinematografica di “Resident Evil”, un appuntamento imprescindibile per i cultori dell’hard boiled fanta-action-horror e per i fan della bella Milla Jovovich. Ma usciti dalla sala in cui viene proiettato “Resident Evil: Afterlife”, rigorosamente in 3D nativo, non si ha proprio una bellissima sensazione di appagamento. Piuttosto, tra una trentina di sparatorie e una cinquantina di esplosioni in stereoscopia, si esce, oltre che immancabilmente rincoglioniti, con la terribile Resident Evil Afterlifesensazione di aver assistito al nulla cosmico, a un inquietante buco nero siderale che si è risucchiato l’intera impalcatura che solitamente regge un film.
Si comincia proprio lì dove finiva il numero 3, con una Alice moltiplicata da un processo di clonazione che si dirige a Tokyo per tirare calci in culo ai vertici della Umbrella Corporation. “Afterlife” parte con un vortice di azione ai limiti dell’incredibile, ma non si rimane stupiti dalla pregevole qualità dei frizzi e i lazzi made in Anderson, bensì dalla confusione e la pacchianeria che regna sovrana in ogni inquadratura. Paul W.S. Anderson, padre della saga filmica, in quanto regista del primo pregevole film e produttore e sceneggiatore di tutti gli altri, torna qui dietro la macchina da presa e confeziona forse il suo peggior lungometraggio. “Resident Evil: Afterlife” è un pessimo esempio di azione fagocitatrice, di prodotto senza idee che affida il tutto e per tutto ai botti e al kung-fu hollywoodiano. Purtroppo però siamo di fronte a Resident Evil Afterlifequel tipo d’azione fredda e computergraphicosa fatta tutta di ralenty (troppi, per la miseria!), bullet-time e controfigure di pixel che fanno acrobazie e si lanciano giù dai grattacieli. E un po’ dispiace che “Resident Evil” sia andato alla deriva in tale modo, dal momento che capitolo dopo capitolo si stava riuscendo a creare una storia piuttosto avvincente e, se escludiamo il mediocrissimo capitolo 2 (“Resident Evil: Apocalypse”), anche lo standard qualitativo dei film era buono. “Afterlife”, però, si mostra il punto morto, non aggiunge praticamente nulla alla storia – se non il personaggio di Chris Renfield, ma ne parleremo più avanti – e va avanti saccheggiando il fanta-cinema degli ultimi 35 anni. Se “Matrix” è fastidiosamente onnipresente nel look di alcuni personaggi e nelle scene d’azione, vistosi rimandi vanno anche a “Distretto 13” (il prigioniero che si rivela un eroe) e soprattutto a “Zombi”…anzi al suo remake “L’alba dei morti viventi”, vista la grande folla e la furia dei non morti che affollano il perimetro esterno della prigione/rifugio.
Dalla sua “Residente Evil: Afterlife” ha un paio di scene d’azione indiscutibilmente riuscite, delle Resident Evil Afterlifebelle scenografie (in CGI) e un mostro figo (il boia), ripreso paro paro dal videogioco e inserito alla buona in mezzo all’orda di zombi (ma del resto anche nel videogioco era così). Dalla serie video ludica stavolta si pesca un po’ di più del solito, ma purtroppo si tratta quasi di riferimenti casuali che non seguono l’iter narrativo del gioco Capcom. Quasi tutti i rimandi provengono da “Resident Evil 5”, l’ultimo capitolo per console, e i più evidenti sono: il suddetto boia, gli zombi che spalancano la bocca a fiore, i cani-zombi che si aprono verticalmente, lo scarabeo meccanico che controlla il volere dei vivi, i poteri di Wesker e il personaggio di Chris Renfield. Ed è proprio Chris che, puntualmente, delude. Come ormai sempre accade in questa saga, quando vengono introdotti i personaggi protagonisti del videogioco non si riesce a rendere loro giustizia: è successo con Jill Valentine, con Claire Renfield e naturalmente, anche Chris tradisce le aspettative. Wentworth Miller (la serie tv “Prison Break”) è un attore inespressivo che non rende il Chris cinematografico quel mercenario da guerra civile che sarebbe dovuto essere e gli ammiccamenti (involontari?) al Napoleone Wilson carpenteriano appaiono del tutto Resident Evil Afterlifefuori luogo. Poi, proprio come sua sorella Claire – interpretata ancora una volta da Ali Larter (“Final Destination”; “Il mistero della casa sulla collina”) – anche Chris è un intruso in terra nativa, un personaggio che dovrebbe essere fondamentale ma che di fatto rimane sempre marginale, dal momento che la scena gli viene sempre rubata da Alice/Milla Jovovich.
Di zombi ce ne sono molti ma fanno poco, i personaggi se non sono monodimensionali (quello viscido che già tutti sappiamo che tradirà, il nero generoso che si sacrifica) sono del tutto evanescenti (l’asiatico, l’attricetta fallita e quell’altro ispanico vestito da soldato che mi sono anche dimenticato che ruolo aveva). Il 3D è stato pubblicizzato come di prima qualità (è quello usato da James Cameron in “Avatar”!) ma alla fine non lascia il segno, anzi annulla la bella fotografia cupa del film.
Alla fine che rimane di questo “Resident Evil: Afterlife”? Nulla, solo uno spot pubblicitario lungo un’ora e quaranta minuti che involontariamente non fa altro che ribadire l’importanza che “Matrix” ha avuto per il mondo degli effetti speciali. E sono passati dodici anni!

Visiona il trailer di RESIDENT EVIL AFTERLIFE


Votazione:  |  Registrati al forum e commenta la recensione

Tags.............................. Resident Evil, Afterlife, Milla Jovovich, Capcom, Albert Wesker, Chris Renfield

*Inserisci La Tua e-mail               
*Inserisci la e-mail del destinatario