NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

"BELLEROFONTE" il nuovo film di Domiziano Cristopharo.

bellefronte_n.jpgProcede inarrestabile l’ascesa del trasgressivo regista Domiziano Cristopharo, che senza ombra di dubbio si può annoverare tra i registi indipendenti più prolifici dell’ultimo anno. Dopo il criticatissimo "House of Flesh Mannequins", lo sbalorditivo "The Museum of wonders" e l’atteso "Hyde’s secret Nightmare", assistiamo alla sua ultima, un po’ folle, idea che porta sopra tutti il suo nome: il progetto "P.O.E". Lungometraggio a episodi, tratti dai racconti di Edgar Allan Poe, che vede in collaborazione altri 12 registi, in nome della condivisione per l’arte cinematografica.
Ma Domiziano Cristopharo più di ogni altra cosa ama far parlare di se, è un instancabile pozzo di idee e per questo, subito dopo le riprese di "IL GIOCATORE DI SCACCHI DI MAELZEL", episodio da lui firmato di "P.O.E". decide di stupire ancora una volta, regalando ai suoi spettatori un nuovissimo film con un immagine del tutto rinnovata e diversa con il film Bellerofonte . Avrà deciso di mettere da parte il nudo o la “famosa” pornografia?

Nei suoi lavori, Domiziano Cristopharo mantiene sempre una vena provocatoria e cupa costante, immancabile e essenziale caratteristica, ma con Bellerofonte assistiamo ad una vera e propria svolta mistica, anche spiritualista, per questa sua nuova arte d’impatto decisamente più positivo.

Il Film è realizzato con il contributo del comune di SAPRI e l’inizio delle riprese è previsto per la fine di agosto.

Di seguito la trama dettagliata con alcune anticipazioni.
C'era una volta paese di mare, di pescatori. Gente tranquilla e silenziosa, che viveva le giornate nella routine della pesca e della vendita del pesce.. E nel paese c'era un castello con una torre che dominava sul mare e sul paese. C'era è c'è ancora, ma sembra deserto e vuoto. I paesani evitano quasi di girare lo sguardo verso la torre. E quando lo fanno, corrugano la fronte e sui loro volti si dipinge un'espressione preoccupata. I pescatori commentano con alcune scarne battute appena biascicate il fatto che il castello sia nuovamente abitato.
Sofiane e la bella Jazira hanno comprato il castello e sembrano voler ricominciare una nuova vita felice, tagliando i ponti con il passato.Sofiane compra una piccola barca da pesca e si dedica a ciò che preferisce. Passa le notti al largo e pesca. Non pesca pesci, però. Stranamente, nelle sue reti, non rimangono intrappolati pesci ma oggetti. Oggetti dal passato. Un passato che sembra voler tornare a galla. Sofiane, tutte le volte, ributta in mare il suo passato e torna al castello senza pesce. Fino a quando una notte particolarmente tranquilla non ne pesca finalmente uno. Ma è un pesce strano... E' luminoso e sembra uno di quei bruttissimi pesci degli abissi, solo che è molto più grosso. Uscito dall'acqua si dibatte come un dannato per liberarsi delle reti. Poi si mette a urlare. Urla strazianti e quasi umane, femminili... poi vomita nelle mani di lui tre strane pepite che sembrano pulsare di luce. Il pesce muore e le pepite, che illuminavano il suo corpo, si spengono. Sofiane ributta il cadavere del pesce in mare e sta per fare altrettanto con le tre pietre, ma ci ripensa e se le porta alla torre, donandole a Jazira, che adesso è incinta di alcuni mesi. Appena la donna prende le pietre tra le mani, queste sembrano tornare debolmente a brillare. Lei sembra morbosamente attratta da esse. Non se ne vuole più separare. Dice che sono un dono delle Sirene. Ne fa una collana e se le mette al collo, senza mai separarsene.


"Bellerofonte"
di ANDREA CAVALETTO
da un sogno di Domiziano Cristopharo

con NANCY DE LUCIA e DAVID D'INGEO
special guest ROBERTA GEMMA nel ruolo di Jane
e con ARIAN LEVANAEL

Giovanni Andriuoli, Gabriele Guerra, Angelo Campus

costumi ANNALISA GALLINA e ATELIER MODUM di Anna Coluccia
gioielli MAURIZIO CARRARA
musiche originali&sound design FABRIZIO SCENE GRECO

"tema d'amore" composto dal Maestro MARCO WERBA

acconciature Nicolas Grippi

prodotto da ANDREA CONTICELLI e ANGELO CAMPUS
regia DOMIZIANO CRISTOPHARO

LA SPECOLA DI SAPRI APRE PER LA PRIMA VOLTA LE SUE STANZE AL CINEMA E AL PUBBLICO.
Ma non è l'unica meraviglia architettonico/naturale del Cilento che vedremo nel film.
Andrea Conticelli si occuperà degli innumerevoli e strabilianti effetti visivi del film, mentre i costumi dell'atelier Modum ed i gioielli di Maurizio Carrara, avranno un ruolo chiave nel film, costruendo architettonicamente anche il personaggio di Nancy de Lucia che apparirà essere quasi una estensione vivente della Torre.
Svolta stilistica anche nella ricerca musicale, affidata nella costruzione dei suoni e delle atmosfere a Fabrizio Scene Greco, e nel tema d'amore al "globo d'oro" Marco Werba.
Impreziosisce il tutto i sensuali camei di Roberta Gemma ed Arian Levanael.

Autore: Simona Falcone - Data: 06/08/2011 -
Contatto: simonafalc@hotmail.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags Domiziano Cristopharo, Bellerofonte, Nancy De Lucia, Roberta Gemma, Sapri, POE