NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

Horror Maximo 2011: un Report dell'evento

Nei giorni del 29, 30 e 31 ottobre 2011 si è svolta a Calcata la seconda edizione dell’Horror Maximo, convention dedicata all’horror e al fantastico, organizzata dal trio di registi Bruno Di Marcello, Giovanni Pianigiani e Gianluca Russo, quest’anno in collaborazione con Horrormovie.it.
Lo scorso anno l’Horror Maximo esordì nella cornice del multiplex Cine Citè di Parco Leonardo, trasformando il centro commerciale vicino Fiumicino in un ricettacolo di mostri e fantasmi proprio nei giorni di Halloween. Quest’anno l’Horror Maximo invece ha trovato casa in un paesino in provincia di Viterbo che deve la sua fama proprio alla notte di Ognissanti: Calcata, ex colonia hippie arroccata su una montagna di tufo, famosa in tutto il Lazio per il sentitissimo clima halloweeniano.

Un Horror Maximo quest’anno all’insegna del cinema indipendente italiano, che ha avuto l’onore di ospitare alcuni dei più rilevanti nomi del cinema di genere contemporaneo e la possibilità di proiettare alcuni film in anteprima esclusiva.

Sabato 29 la convention è stata inaugurata dalla proiezione di “Bloodline”, lo zombi-ghost-slasher movie di Edo Tagliavini, dopo del quale Francesco Malcom, uno dei protagonisti, ha avuto modo di incontrare gli spettatori e discutere della sua carriera e del film chiamato a rappresentare. Al Horror Maximotermine dell’incontro, appena dieci minuti di pausa e subito si è continuato con il ricco programma: il trailer del corto coming soon “Delirium 464” di Francesco Mirabelli e la proiezione del bel mediometraggio di Lucas Pavetto “Il marito perfetto”.
Una breve pausa e poi la prima anteprima della convention: “Unfacebook”, opera seconda di Stefano Simone. Al termine della proiezione, il regista e lo scrittore Gordiano Lupi hanno parlato e dibattuto sul film. Nel frattempo Sergio Stivaletti e il suo team creava nella stanza adiacente trucchi ad hoc sul pubblico, con maschere di mostri e streghe.
La serata è proseguita con la presentazione ufficiale della convention alla presenza delle autorità calcatesi e con la premiazione del concorso “Halloween script”, dedicato alle sceneggiature di cortometraggi, alla quale ha vinto a sorpresa un anonimo, il cui script verrà realizzato sottoforma di corto nei prossimi mesi. A seguire la seconda anteprima, “Finché morte non vi separi”, lungometraggio a episodi diretto dal quartetto Arciero/Russo/Pianigiani/Di Marcello, che comprende anche il corto vincitore all’Halloween script dello scorso anno.
Così si conclude la prima giornata all’Horror Maximo, con una cena tipica presso la locanda L’isola che non c’era della signora Fiorenza Cafà, attrice, tra l’altro, proprio in “Finché morte non vi separi”.

Domenica 30 l’Horror Maximo comincia la mattina con uno spazio dedicato ai più giovani. Verso le 12, infatti, i ragazzi di Margot Produzioni presentano il fan made movie di I Cavalieri dello Zodiaco, tre episodi completi del live action tutto italiano dedicato al celebre anime. Alle 15 circa è la volta di “At the End of the Day – Un giorno senza fine”, l’horror rivelazione di Cosimo Alemà. Dopo la Horror Maximoproiezione lo stesso regista dibatte sul film e risponde alle domande del pubblico prima di partecipare alla tavola rotonda sul cinema horror italiano.
Tavola rotonda che rappresenta l’evento più atteso della tre giorni di convention. Ma l’evento è anticipato dalla premiazione di Claudio Simonetti e Sergio Stivaletti, ai quali viene consegnata dal sindaco stesso del paese una targa (opera di un artista locale) come riconoscimento alla carriera. Nello spazio pre tavola rotonda si svolge un altro atteso evento, la presentazione e proiezione del teaser trailer di “Kid in the Box”, l’atteso imminente sequel di “Il Bosco fuori”, sempre diretto da Gabriele Albanesi.
Numerosissimi gli ospiti che affollano la tavola rotonda: Claudio Simonetti, Sergio Stivaletti, Antonio Tentori, Edoardo Margheriti, Gabriele Albanesi, Cosimo Alemà, Giovanni Pianigiani, Luigi Pastore, Federico Greco, Gregory Rossi, Stefano Simone, Giuliano Giacomelli, Lorenzo Giovenga e Andrea Conticelli, moderati da Bruno Di Marcello e Gianluca Russo. Sono molte le tematiche affrontate durante le due ore di discussione che vanno a toccare i problemi e le peculiarità ricorrenti nell’attuale cinema horror italiano. In un certo senso, durante la discussione si sono venute a creare come due fazioni: chi pensa al cinema da esportazione e chi parte dal mercato interno, dunque tendendo a risaltare rispettivamente l’internazionalità dell’opera o l’italianità.
Dopo l’intensa tavola rotonda, interrotta quasi in chiusura da un incredibile mostro di Frankenstein creato da Sergio Stivaletti, un’oretta di pausa e alle 21 circa si è partiti con la terza e ultima anteprima, “P.O.E. – Poetry of Eerie”, lungometraggio a episodi diretto da 13 registi e ispirato alle opere di Edgar Allan Poe. Sala piena e proiezione purtroppo funestata da un piccolissimo inconveniente tecnico che ha costretto uno stop di alcuni minuti per uno dei film più attesi e applauditi della convention.

Quella di lunedì 31 è paradossalmente la giornata più corta per l’Horror, dal momento che la gestione della convention deve chiudere prima per lasciare spazio alla celebre festa di Halloween di Calcata, a base di musica, maschere, cibo e alcool. Horror Maximo
Nella mattinata c’è la presentazione del libro “Terrore italiano” alla presenza dell’autore Daniele Francardi che annuncia l’imminente “Terrore Italiano – Volume 2” e, insieme alla co-autrice Simona Falcone, il saggio “Attraverso il Bosco fuori. Analisi e retroscena dell’horror cult indipendente”, in uscita a gennaio 2012.
A seguire vengono proiettati i cortometraggi finalisti del 7° premio Bernardino Zapponi con rispettivo annuncio del vincitore, ovvero “Insula” di Eric Alexander.
Dopo la pausa pranzo è la volta dell’incontro con i registi Giuliano Giacomelli e Lorenzo Giovenga che raccontano i retroscena del loro film e il loro punto di vista sull’odierna situazione cinematografica italiana. Seguono le proiezioni del trailer “Articolo 3”, del corto “Vengeange: A Bloody Dish” di Giuliano Giacomelli e del lungo “La progenie del Diavolo” di Giacomelli e Giovenga.

Si chiude così questa intensa tre giorni calcatese a base di proiezioni e dibattiti sull’horror italiano e comincia la colorata festa tra le strade del paesino.
Malocchio e gatti neri, malefici misteri
il grido di un bambino bruciato nel camino
nell'occhio di una strega, il diavolo s'annega
e spunta fuori l'ombra: l'ombra della strega!
La vigilia d'Ognissanti han paura tutti quanti: è la notte delle streghe!
(Chi non paga presto piange!)

Autore: Roberto Giacomelli - Data: 03/11/2011 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags Horror Maximo 2011, Calcata, Halloween, Horror italino, Finchè morte non vi separi, Unfacebook, POE