NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

"L'erede", recensione del DVD

L'erede DVDPresentato con successo al Riff (Roma Indipendent Film Festival) 2011 e poi uscito nelle sale distribuito da Iris Film lo scorso luglio, “L’erede” è ora disponibile in DVD distribuito da Cecchi Gori Home Video.

Ma cos’è “L’erede”? Primo lungometraggio diretto da Michael Zampino, opera anomala nel panorama italiano perché febbricitante di generi, voglioso di raccontare qualche cosa di nuovo pur rimanendo fortemente ancorato alla tradizione nazionale. “L’erede” è difficilmente classificabile in una precisa categoria; di base potremmo definirlo un thriller per semplificarci la via, ma scavando a fondo in realtà del thriller ha solo una porzione nella parte finale. Per lo più il film di Zampino utilizza il linguaggio del dramma, le tematiche realistiche che sempre contraddistinguono questo genere; poi in alcuni momenti mette a nudo la sua schizofrenia e si addentra nel cinema dell’orrore con scene e risvolti che fanno proprio il filone del survival horror.
L’efficace tagline recita “le colpe dei padri ricadranno sui figli” e infatti Zampino, che oltre a firmare la regia co-sceneggia insieme a Ugo Chiti, punta tantissimo sull’ingombrante figura di questo padre che non c’è più e che ha lasciato al figlio trentenne un’eredità che va ben oltre la villa di campagna. Bruno, il protagonista della vicenda interpretato dal Dandi del “Romanzo criminale” televisivo Alessandro Roja, si trova tra le mani tutti gli scheletri nell’armadio che il padre aveva poco sapientemente nascosto e che si materializzano in un vicinato tanto invadente quanto pericoloso. È una questione d’affari ma anche di affetti e parentele presunte ed eventuali, ma è anche una descrizione dell’imbarbarimento sociale, qui tenuto a rappresentanza da una certo proletariato rurale che è una versione addolcita dei redneck di boormaniana memoria, stavolta in un’inedita gerarchizzazione matriarcale. Bravissimi gli attori (Guia Jelo in primis) e ritmo incalzante per un film forse incapace di osare nei punti più drammatici e tendente all’affievolimento dei toni proprio nei territori del climax finale. Un tipo di cinema che stenta a farsi notare ma che una volta scovato sa farsi ricordare.

La Cecchi Gori Home Video lancia sul mercato il solo DVD (niente alta definizione da Blu Ray, dunque), un prodotto valido un po’ sotto tutti i punti di vista che ha però il suo punto forte nei corposi contenuti extra. Audio e video sono nella media dei prodotti di questo tipo con un video che presenta un leggero “rumore” nelle scene più buie e del tutto limpido in quelle meglio illuminate. Audio in doppia possibilità mono/stereo, limpidissimo ma in alcuni tratti un po’ basso.
Ma passiamo agli esaurienti contenuti speciali. Un bel dietro le quinte e i video storyboard (ben 3 scene che confrontano le immagini del film con gli storyboard!) sono le cose più preziose, accompagnati dalle scene tagliate (ce ne sono 6), un video che mostra la composizione della colonna sonora (vediamo i musicisti all’opera alternati alle immagini del film), i bozzetti dei costumi, una ricca photogallery con foto di scena e backstage, poi trailer e spot tv. Insomma, più di questo non si poteva di certo chiedere!

CARATTERITICHE DVD
Video: 16/9
Audio: Italiano Dolby Digital 5.1 e 2.0
Sottotitoli: Italiano per non udenti
Extra: Trailer, Spot tv, Bozzetti costumi, Galleria fotografica back stage, Galleria foto di scena, Tre video storyboard, Scene tagliate, Dietro le quinte, Percorso musicale.

Se volete leggere la recensione di Horrormovie.it al film “L’erede” cliccate qui.

Autore: Roberto Giacomelli - Data: 20/02/2012 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags l'erede, michael zampino, alessandro roja, guia jelo, dandi, romanzo criminale, dvd, cecchi gori home video, recensione