NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

"Dark Shadows", recensione blu ray disc

Dark Shadows Blu rayTim Burton, amato, odiato re del cinema gotico odierno.
Dopo il passo falso targato Disney con "Alice in Wonderland", che ha comunque fruttato alla casa di Mickey Mouse e al regista oltre 300 milioni di dollari d'incasso, Burton ci riprova con una storia e un'atmosfera sicuramente a lui più congeniali. Ed ecco "Dark Shadows", ultima fatica del regista di "Edward mani di forbice" che rinnova il sodalizio con il suo attore feticcio Johnny Depp, portando sul grande schermo la celebre e omonima serie tv creata da Dan Curtis.

"Dark Shadows" nasce nel 1966 dall'emittente inglese ABC e prosegue fino al 1971, con una ripresa nel 1990 e un breve remake nel 1991. La fortunata soap horror creata da Dan Curtis ha trovato così tanti consensi da trasferirsi al cinema ancor prima che la cosa venisse in mente a Burton, infatti sono rispettivamente del 1970 e del 1971 "La casa dei vampiri" e "La casa delle ombre maledette", due incursioni cinematografiche dei personaggi della serie tv dirette proprio da Curtis. Burton si trova perfettamente a suo agio con le atmosfere lugubri e cadenti della Collins mansion, ritrovando così quello smalto che nelle ultime opere del regista si era perso. Non siamo agli apici qualitativi di opere come "Edward mani di forbice" o "Ed Wood", ma con "Dark Shadows" si ritrova quell'alone di macabra personalità e affetto per la settima arte che non si evinceva più nel blocco di opere iniziate da "La fabbrica di cioccolato" (con la sola eccezione di “La sposa cadavere”).

Il ricco Barnabas Collins spezza il cuore alla strega Angelique per un’altra donna, ma la strega per vendetta uccide la sua pretendente e trasforma, con una maledizione, Barnabas in un vampiro. L’uomo rimane rinchiuso in una bara per 200 e si risveglia nel 1972, trovando il mondo profondamente cambiato e la sua casata, prima leader nel commercio ittico, in decadimento economico e morale. Barnabas cercherà di riportare in auge la famiglia Collins, ma Angelique si rifarà presto viva!

Burton torna a cimentarsi con l’horror – contaminato con un sottile velo di commedia – dopo l’ottima prova di “Il mistero di Sleepy Hollow” (1999) e anche in questo caso si evince la sua personale poetica dei freaks, protagonisti indiscussi del suo cinema e qui rappresentati da vampiri, streghe, fantasmi e licantropi. In questo caso, inoltre, Burton tende a porre grande attenzione sull’istituzione familiare e sulle mire di arrivismo economico insito nelle scalate al successo proprie della seconda metà del ‘900. In questo contesto si può notare, infatti, la profonda differenza tra la famiglia Collins del 1972, trasandata, sfaldata e completamente incapace di gestire l’antico patrimonio, contrapposta alla repentina scalata economica della ditta di Angelique, simbolo del progresso, dell’emancipazione sessuale (la donna in carriera interpretata dall’ottima Eva Green) e del rampantismo tipico di quegli anni. L’unione familiare dei Collins così come la ricordava Barnabas non esiste più, non c’è più morale e questo si ripercuote inevitabilmente anche sul patrimonio, andando così a ledere il futuro della famiglia che ha dato il nome alla città.
Un bel ritorno al genere per Burton, certamente non perfetto, ma apprezzabile e finalmente in linea con la macabra poetica del regista propria del suo periodo migliore.

Il Blu Ray Disc proposto da Warner Bros. e corredato dalla copia digitale del film, si presenta in un’ottima veste tecnica. Di primissima qualità sia sotto l’aspetto video che audio, il blu ray di “Dark Shadows” restituisce, con un’ottima nitidezza d’immagine, i toni grigiastri ed estremamente desaturati del film, che in alcuni punti appaiono vicini al bianco e nero con elementi di colore sparsi nel contesto. Pulito e potente l’audio in dolby digital 5.1, che nella traccia in inglese presenta anche il master in DTS-HD.
Tra i contenuti extra ci sono 5 scene inedite e una corposa serie di interviste e speciali raccolte sotto la voce “Focus points”, mirati ad approfondire la lavorazione del film, il lavoro degli attori e lo studio sulla serie tv originale. Nello specifico i focus points sono: Becoming Barnabas (5’), Welcome to Collingwood (4’ 26’’), The Collinses: every family has its demons (6’ 50’’), Reliving a decade (5’), Angelique: a witch scorned (3’), Alice Cooper rocks Collinsport (2’ 25’’), Dark Shadowy secrets (4’), A melee of monstrous proportions (4’), Dark Shadows: the legend bite back (2’).
Inoltre, i vari focus points sono fruibili anche in maniera interattiva durante la visione del film grazie al Maximum Movie Mode, ormai caratteristico di molti blu ray della Warner.

Caratteristiche Blu Ray Disc di DARK SHADOWS
Video: 1080p Hight Definition 1.85:1 (16:9)
Audio: Dolby Digital 5.1 Italiano, Spagnolo, Tedesco, Francese, Catalano, Thailandese. DTS HD Master Audio 5.1 Inglese.
Sottotitoli: Italiano per non udenti, Tedesco per non udenti, Inglese per non udenti, Francese, Spagnolo, Catalano, Olandese, Coreano, Thailandese, Cinese, Mandarino.
Extra: Maximum Movie Mode, Cinque scene eliminate, Focus Points.

Se vuoi leggere la recensione del film, clicca sul link sottostante.
DARK SHADOWS

Autore: Roberto Giacomelli - Data: 06/10/2012 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags dark shadows, blu ray disc, warner bros, tim burton, johnny depp, eva green, recensione