NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

Cinekult Vol. 7: "Libido" e "Ragazza tutta nuda assassinata nel parco"

Libido dvdTra le ultime uscite Cinekult vanno sicuramente presi in considerazione due interessanti esponenti del filone del giallo all’italiana. Ma non ci troviamo nel calderone dei titoli più noti e celebrati, bensì nel sottobosco dei film quasi sconosciuti ai più, due titoli che l’etichetta specializzata in cinema italiano di genere è andata a ripescare nelle cineteche dei maniaci del cinema cosiddetto “bis”, dunque potenzialmente imperdibili. Per la precisioni si tratta di “Libido” di Ernesto Gastaldi e Vittorio Salerno e “Ragazza tutta nuda assassinata nel parco” di Alfonso Brescia.

“Libido” è un film singolare perché si trova tra gli antesignani del thriller all’italiana. Prima che Umberto Lenzi si dedicasse a quei gialli con Carroll Baker, prima che Dario Argento mietesse incassi in ogni dove, c’era Mario Bava che con “La ragazza che sapeva troppo” e “6 donne per l’assassino” aveva praticamente “inventato” il genere… ma c’era anche Ernesto Gastaldi, grande sceneggiatore di tanti gialli a venire, che nel 1965 scrisse e diresse con Vittorio Salerno “Libido”. Curioso mix tra il giallo familiare che tanto andrà di moda il decennio successivo e l’horror gotico che proprio in quegli anni era frequentato dal cinema italiano, “Libido” si lascia vedere e ricordare con gran piacere per la portata innovativa e la perizia realizzativa. A sentire Gastaldi, che condivide con il coregista lo pseudonimo collettivo Julian Berry Storff, “Libido” fu realizzato in estrema economia e con la solita arte di arrangiarsi tipica italiana, ma il prodotto finito si mostra di gran classe e sicuramente più ricco di quanto in realtà fosse.
La storia ci racconta di Chistian, giovane ereditiere con un trauma familiare alle spalle che torna nella sua casa d’infanzia, di cui è unico erede, con la bella moglie, l’esecutore testamentario e la sua compagna. Ma nella magione cominciano a succedere strane cose e sembra che tra le mura della casa si aggiri lo spettro del padre di Chistian… oppure è la psiche disturbata del ragazzo che gli sta facendo brutti scherzi?
A supportare l’operazione c’è la bravura del cast, composto da un giovanissimo Giancarlo Giannini, qui nel suo primo ruolo da protagonista, e dal sempre bravo Luciano Pigozzi, alias Alan Collins, ovvero il Peter Lorre italiano. In un ruolo da coprotagonista anche Mara Maryl, al secolo Mara Chianetta, compagna del regista, attrice e sceneggiatrice di altre pellicole cult italiane.
Gastaldi e Salerno realizzeranno una sorta di sequel nel 1981 dal titolo “Notturno con grida”, in cui tornano a recitare Mara Maryl e Luciano Pigozzi.

Ragazza tutta nuda assassinata nel parco dvd“Ragazza tutta nuda assassinata nel parco” è il sensazionalistico titolo, di chiaro rimando giornalistico, al giallo diretto dall’artigiano Alfonso Brescia e sceneggiato dal Gianni Martucci di “Trhauma” e “I frati rossi” e dal Peter Skerl di “Bestialità”. Il film, che in origine doveva intitolarsi “Prater Shock” ed essere prodotto e girato in Austria, fu invece completamente riscritto e poi co-prodotto con la Spagna con un piglio più commerciale e, se vogliamo, banale. Della sceneggiatura originale è rimasto l’omicidio iniziale al luna park, per il resto si è deciso di seguire la classica storia dei delitti consumati all’interno di una ricca famiglia, con colpo di scena finale che ha anche una certa efficacia se non ci fosse una somiglianza un po’ sospetta con un altro thriller uscito l’anno prima e diretto da Sergio Martino.
L’antefatto storico, che colloca alcuni risvolti della trama al periodo della seconda guerra mondiale, è un valore aggiunto che dona fascino a una storia che procede altrimenti troppo lenta e con pochi motivi per coinvolgere realmente.
Chris Bayer, un giovane agente di una compagnia di assicurazioni, viene incaricato di indagare sull'uccisione di Johannes Wanterburger, un miliardario di origine tedesca assassinato in un Luna Park che aveva appena stipulato una ricca assicurazione sulla vita. Chris si innamora di Katherine, figlia della vittima, e viene ospitato nella villa dei Wanterburger dove, uno alla volta, i familiari della vittima cominciano a morire in circostanze misteriose. Chi sarà l’autore degli omicidi?
Nel cast, a parte il monocorde protagonista Robert Hoffman, troviamo la stellina dei gialli dell’epoca Pilar Velasquez, Irina Demick e Patrizia Adiutori; mentre in piccole parti compaiono Adolfo Celi e Philippe Leroy.

Molto buoni, come spesso accade, i DVD targati Cinekult e Cecchi Gori Home Video, che presentano i due film in versione rigorosamente integrale e con un video restaurato. L’immagine è pulita, i colori brillanti per “Ragazza tutta nuda assassinata nel parco” e bianco e nero molto nitido per Libido. Buono anche l’audio in dolby digital 2.0, senza disturbi e con doppiaggio originale.
Gli extra sono i canonici proposti dalla Cinekult, con trailers e interviste ai personaggi coinvolti: nel caso del film di Brescia c’è una lunga intervista (30 minuti circa) allo sceneggiatore Gianni Martucci, mentre nel caso di “Libido” c’è un’interessate dialogo (20 minuti circa) con Ernesto Gastaldi che spiega molti retroscena sul film.

Caratteristiche DVD di LIBIDO
Video: 16:9 – 1.66:1
Audio: Italiano Dolby Digital 2.0
Sottotitoli: Italiano per non udenti
Extra: “La libidine del giallo” Intervista a Ernesto Gastaldi, Trailer, Trailers Cinekult.

Caratteristiche DVD di RAGAZZA TUTTA NUDA ASSASSINATA NEL PARCO
Video: 16:9 – 2.35:1
Audio: Italiano Dolby Digital 2.0
Sottotitoli: Italiano per non udenti
Extra: “Prater Shock” Intervista a Gianni Martucci, Trailer, Trailers Cinekult.

Se vuoi leggere la recensione di “Ragazza tutta nuda assassinata nel parco clicca qui.

Autore: Roberto Giacomelli - Data: 02/11/2012 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags libido, ragazza tutta nuda assassinata nel parco, cinekult, cecchi gori home video, ernesto gastaldi, alfonso brescia, gianni martucci, dvd, recensioni