NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

"La città dei mostri" e "Le spose di Dracula", recensioni home video

Le spose di Dracula dvdTra le nuove uscite home video della Pulp Video, etichetta specializzata in cinema di genere distribuita da Cecchi Gori Home Video, ci sono due imperdibili film che faranno felici i cultori dell'horror classico: "Le spose di Dracula" di Terence Fisher e "La città dei mostri" di Roger Corman.

"Le spose di Dracula" è uno dei primi film della Hammer a tema vampiri, anzi, per essere precisi, è il secondo e segue di due anni il primo esperimento hammeriano sul famoso conte vampiro, ovvero quel "Dracula il vampiro" che Terence Fisher diresse nel 1958 lanciando le icone Christopher Lee e Peter Cushing. Visto il grande successo del primo film, la Hammer ne mise in cantiere un secondo, ma il fatto che Dracula fosse morto nella precedente avventura e Lee impegnato in altro, costrinse la produzione a escogitare un "diabolico" piano che richiamasse il film precedente solo nel titolo e tenesse come trait d'union il solo personaggio di Van Helsing, sempre interpretato da Cushing. Il Conte di Christopher Lee tornerà in "Dracula - Il principe delle Tenebre" del '66, che si pone come sequel diretto di "Dracula il vampiro", mentre in "Le spose di Dracula" seguiamo le vicende di Marienne, una ragazza che ha accettato un lavoro in un istituto femminile a Badestein. Qui incontra la Baronessa Meinster, che la ospita nel suo castello, dove fa la conoscenza del figlio della Baronessa, che vive recluso in una stanza. Marienne si innamora del Barone, ma questo è un pericoloso vampiro che, una volta liberato proprio dalla ragazza, comincia a seminare il terrore in paese. L'unico che può risolvere la situazione è il prof. Van Helsing, esperto in vampiri e conoscitore dell'occulto.
Il film di Fisher contiene tutte le caratteristiche del buon prodotto Hammer, dai volti azzeccati del mostro sacro Cushing e delle belle Yvonne Monlaur (la protagonista Marianne) e Andree Melly (la collega), alla splendida fotografia dai colori saturi, fino alle locations suggestive che caratterizzavano soprattutto i gotici. Poco importa, alla fine, se il titolo dice il falso (nessuna sposa di Dracula, ne tantomeno Dracula stesso), perchè il film ha un fascino unico e risulta uno dei migliori capitoli della lunga saga hammeriana sul celebre vampiro.

La città dei mostri blu ray"La città dei mostri" è uno dei più riusciti film di Roger Corman del periodo, un periodo in cui era prolifico ai massimi livelli e riusciva a dirigere fino a cinque film l'anno. Ma quello era soprattutto il periodo Edgar Allan Poe, ovvero quando il noto regista si gettò in una fortunata serie di libere trasposizioni dai racconti dello scrittore americano. In quegli anni arrivarono gli imprescindibili "I vivi e i morti", “Il pozzo e il pendolo”, "Sepolto vivo" e "La maschera della morte rossa", ma nel 1963 arrivò anche "La città dei mostri" che prende da Poe solo il titolo. In originale, infatti, il film di Corman si chiama "The Haunted Palace", che è "Il palazzo incantato", poesia contenuta nel racconto "La caduta della casa degli Usher" e che viene recitata in apertura e chiusura del film. Ma per la storia Corman si rifà a un altro grande della letteratura macabra, ovvero Howard P. Lovecraft e in particolare a "L'orrore di Dunwitch" e a "Il caso di Charles Dexter Ward" per i personaggi, oltre che altri riferimenti come la presenza del libro Necronomicon e l'ambientazione nella città di Arkham. In realtà il pretestuoso riferimento nomenclativo a Poe è un'imposizione della produzione, che visto il successo dei precedenti film di Corman ispirati allo scrittore americano, non voleva rischiare e anzi richiamare - fallacemente - proprio quel ciclo di film.
Il risultato è comunque ottimo, la storia segue le vicende di Charles Dexter Ward, che giunge ad Arkham con la sua consorte per ereditare un castello di famiglia, dove un suo avo, 110 anni prima, fu bruciato vivo perché praticava strani rituali sulle donne del paese, ma prima di morire, l’uomo gettò una maledizione sui suoi aguzzini. Charles è identico al suo avo e così scatena le preoccupazioni degli abitanti.
Un bellissimo film che oltre a presentare un cast di grandi nomi come Vincet Price, Lon Chaney Jr. e Debra Paget, riesce a risultare avvincente e inquietante. Le atmosfere lovecraftiane sono ben riportate proprio dalla presenza opprimente e misteriosa degli antichi dei che si stanno manifestando attraverso le orribili mutazioni genetiche degli abitanti di Arkham. La prole di chi uccise l'emissario degli dei è condannata e il paese è popolato da mostri deformi che strisciano nei vicoli e vengono rinchiusi in cantina dai genitori che li rinnegano. Poi c'è la voglia di Corman di catalizzare l'attenzione sull'Io scisso di Charles Dexter Ward, dando così modo a Price di fare da mattatore, il che va benissimo ma tende ad avvicinare anche il film alla consuetudine dei gotici cormaniani dell'epoca. L'unica cosa che non funziona in "La città dei mostri" è la scelta di mostrare l'antico dio sul finale, che smorza decisamente le fantasiosi e terrificanti immagini che lo spettatore si era fatto di questa minaccia, in realtà così molto poco minacciosa.

La Pulp Video, che di recente si è lanciata anche nella produzione di Blu Ray Disc, distribuisce "La città dei mostri" sia in DVD che in alta definizione Blu Ray, supporto che qui prenderemo in considerazione. Trattasi di un film del 1963, dunque non possiamo aspettarci una qualità audio/video pari all'ultimo blockbuster hollywoodiano, eppure la Pulp fa un buon lavoro sull'immagine che l'alta definizione esalta soprattutto nella limpidezza e nella restituzione della cupa fotografia originale. L'audio è mono, come il DVD, ma ha comunque una resa molto dignitosa. Quel che un po’ delude di questo Blu Ray, oltre alla presenza esigua di extra che ricalcano gli stessi presenti nel DVD (trailer, galleria fotografica e filmografie), è la resa dei menù simile a quella dei DVD, senza, dunque, la possibilità di navigare tra le varie sezioni senza passare per il menù principale.
Buono e per certi aspetti sopra la norma il DVD di "Le spose di Dracula", che presenta una qualità video ottima e una traccia italiana in 5.1. Tra gli extra ci sono i consueti trailer, photogallery e manifesti cinematografici.

Caratteristiche DVD di LE SPOSE DI DRACULA
Video: 1.78:1 (16:9)
Audio: 5.1 Italiano, 2.0 Italiano, Inglese.
Sottotitoli: Italiano.
Extra: Trailer, Galleria fotografica, Manifesti cinematografici.

Caratteristiche Blu Ray Disc di LA CITTA’ DEI MOSTRI
Video: HD 1080i 2.35:1 (16:9)
Audio: 2.0 Italiano, Inglese.
Sottotitoli: Italiano.
Extra: Filmografie Vincent Price e Debra Paget, Trailer originale, Photogallery.

Autore: Roberto Giacomelli - Data: 21/11/2012 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags pulp video, cecchi gore home video, dvd, blu ray disc, recensioni, la città dei mostri, vincent price, roger corman, le spose di dracula, peter cushing, terence fisher, hammer film