"Chained", recensione del blu ray disc

chained blu rayNel recente passato la Koch Media ha deliziato gli amanti del cinema di genere con l’acquisizione di un paio di titoli davvero sfiziosi, come “Faces in the Crowd” e “I Spit on Your Grave”, distribuiti direttamente in home video in DVD e Blu Ray Disc. Ora la Koch, oltre ad aver intrapreso una strada nella distribuzione in sala con titoli di tutto rispetto (ricordiamo “Lawless” e “The Grey”), sta puntando su altri titoli decisamente interessanti da immettere sul mercato home video e tra questi abbiamo “Chained”.

Proprio nei giorni in cui la regista Jennifer Lynch è presidente di giuria all’edizione 2012 del Courmayeur Noir in Festival, il suo ultimo film esce in Italia, subito dopo essere stato presentato in concorso al Torino Film Festival. Il titolo è ”Chained”, immediato ed esplicativo. Ad essere “incatenato” è un ragazzino di 9 anni, che nel trascorrere del tempo filmico sarà ben presto un ragazzotto adolescente che si ritrova intrappolato in una situazione tanto terribile quanto paradossale. Un serial killer rapisce madre e figlio, poi uccide la madre e incatena il figlio, con l’intento di educarlo come suo erede. Il bambino e poi ragazzo assiste alle nefandezze del suo carceriere e viene cresciuto con l’obiettivo di uccidere donne: quando arriva il momento del suo primo omicidio, il ragazzo tenta però di reagire, ribellarsi a quella situazione.
La trama di “Chained” si concentra tutta sul rapporto simbiotico di unione/repulsione tra l’uomo e il ragazzo, il carceriere e la sua vittima. Il film cerca di approfondire in maniera piuttosto insistita il deragliamento psicologico del ragazzo, che viene privato di affetti, identità (il suo carceriere lo chiama Coniglio) e dignità, fino a una riduzione in stato di automa pronto ad assorbire come una spugna gli insegnamenti devianti di una mente palesemente malata. Il gioco perverso funziona e malgrado la ripetitività della struttura narrativa della prima ora del film, si riesce a percepire un certo stato di malessere. Nel momento in cui la regista e sceneggiatrice – che ricordiamo essere nientepopodimeno che la figlia di David Lynch – cerca riscatto per il suo protagonista, le potenzialità malsane della storia si appiattiscono e annullano in favore di una classica (e banale?) scelta di reazione/vendetta che sfocia in un colpo di scena non proprio riuscito, in quanto compromettente di un nesso logico ponderato.
Grande il lavoro svolto dall’attore Vincent D’Onofrio, noto ai più per il ruolo del leggendario Palla di lardo in “Full Metal Jaket” e di recente volto del Detective Goran nella serie tv “Criminal Intent”, che in “Chained” interpreta lo spietato killer. Nel cast compaiono anche Julia Ormond (“Vento di passioni”), Jake Weber (“L’alba dei morti viventi”) e Gina Philips (“Jeepers Creepers”), oltre a Eamon Farren che interpreta Coniglio da ragazzo.

Il Blu Ray Disc di “Chained” targato Koch Media è tecnicamente impeccabile.
All’ottimo video, nitido e in grado di esaltare adeguatamente la bella fotografia di Shane Daly senza mai risentire delle frequenti scene poco illuminate, si unisce un audio in DTS 5.1 di primissimo livello.
Delude solo il comparto extra, che si avvale del solo trailer internazionale del film.

Caratteristiche Blu Ray di CHAINED
Video: 1080p Hight Definition 2.35:1 (16:9)
Audio: DTS HD Master Audio 5.1 Italiano, Inglese.
Sottotitoli: Italiano non udenti
Extra: Trailer originale

Se vuoi leggere la recensione di CHAINED clicca su questo link

Autore: Roberto Giacomelli - Data: 02/01/2013 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

Entra nello Staff!

Tags chained, jennifer lynch, torture, vincent d'onofrio, gina philips, torino film festival, courmayeur noir in festival, dvd, blu ray, rcensione, koch media