NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

Le uscite in DVD Mosaico Media: Maggio 2013

Karzan contro le donne dal seno nudoQuesto mese la Mosaico Media, casa di distribuzione specializzata nel recupero di film del passato di ogni genere, per lo più dimenticati, ci propone quattro titoli che come di consueto spaziano tra i più improbabili e variegati generi possibili. Lo strambo quartetto di maggio è composto da: “Karzan contro le donne dal seno nudo” di Jess Franco, “La folla” di King Vidor, “L’assassino colpisce all’alba” di Marc Simeon e “Volo senza ritorno” di Michael Powell.

Jess Franco ci ha lasciato da poche settimane, un regista geniale, controverso, a volte amato altre odiato, ma dannatamente talentuoso e personale nel portare in scena il suo punto di vista sul cinema. “Karzan contro le donne dal seno nudo” è tra i film meno noti del regista spagnolo, un film d’avventura dalle accentuate venature erotiche che a causa della titolazione italiana potremmo considerare un ripoff di Tarzan e che invece è… un ripoff di Maciste! Eh si, perché in originale il film si titola “Maciste contre la reine des Amazones”, coproduzione Francia/Spagna del 1973 che visto oggi è un divertente e innocuo sollazzo, ma che all’epoca deve aver scaldato più di un animo, grazie alle numerose scene pruriginose con donzelle che – rispettando le promesse del titolo italiano – esibivano ben pochi abiti.
La storia si incentra sull’avventura di Mark e del suo fido amico Karzan, che si dirigono in Amazzonia per recuperare un leggendario tesoro. Ma qui vive Armida, bellissima e spietata regina delle amazzoni, che si innamora di Karzan scatenando la gelosia della sua amante lesbica Yuka.
Insomma, avventure spinte tra lesbo-pomiciate e improbabili caccie al tesoro che vedono protagonisti Wal Davis, già visto nel sado-horror “Le manie di Mr. Winninger omicida sessuale”, e Alice Arno, specializzata in erotici (“Lo specchio del piacere”, “De Sade 2000”) e in porno (“Hardcore Story”; “Vizio in bocca”). In un ruolo di rilievo anche la splendida Lina Romay, inseparabile di Franco.

Per la serie “profano e sacro”, passiamo da Jesus Franco a King Vidor e al suo “La folla”, vero pilastro del cinema muto (è del 1928) che ancora oggi si fa apprezzare per la storia dagli sviluppi drammaticamente attuali nel mettere in scena il (falso) mito del sogno americano.
Si racconta di Johnny, nato il 4 luglio, il giorno della dichiarazione d’indipendenza, americano d.o.c. che dimostra già in tenera età di essere un bambino fuori dal comune: impara le poesie con facilità, suona il piano divinamente e canta nel coro come un uccellino. Lo stesso Johnny, caricato da suo padre che lo porta sul palmo della mano, si convince che da grande diventerà uno degli uomini più importanti di New York… ma il destino vuole che non sia così e il ragazzo, messa su famiglia, si troverà con facilità sul lastrico, con conseguenze drammatiche.
King Vidor, vero pioniere del cinema di qualità, è oggi celebrato e ricordato soprattutto per il western “Duello al sole” e per il grande classico “Guerra e Pace”, ma se vogliamo cercare le sue opere più meritevoli forse bisogna scavare e questo “La folla” si trova sicuramente ai vertici artistici di questo artista. Titolo assolutamente meritevole di essere riscoperto.

L’assassino colpisce all’albaMa non manca all’appello il thriller d’antan, che questo mese la Mosaico individua nel bel “L’assassino colpisce all’alba”, film del francese Marc Simeon diretto nel 1970. Simeon è noto soprattutto per i suoi polizieschi, in particolare “Ultimatum alla polizia” (1974) e “L’uomo di Marsiglia” (1971), ma precedentemente si era cimentato con questo thriller che ricorda molto da vicino i gialli sessantottini che venivano prodotti in Italia (in particolare quelli di Umberto Lenzi). “L’assassino colpisce all’alba” racconta del medico Eric che si lascia convincere dalla sua amante Linda di abbandonarsi a una notte a base di sesso e droghe allucinogene, di cui lei spesso fa uso, soprattutto per stimolare la sua creatività da pittrice. Ma qualche cosa va storto e Linda viene ritrovata cadavere, strangolata. Chi è l’assassino? La polizia sospetta di Eric, ma lui non ricorda nulla a causa dell’effetto della droga.
Un film particolare, sicuramente originale per certi aspetti ma anche ligio alla consuetudine del genere, che annovera nel cast – nel ruolo della vittima libertina – la grande Alida Valli.

Infine abbiamo un bellico, che come ogni mese non manca tra le uscite Mosaico, “Volo senza ritorno” del 1942 diretto da un nome importante come Michael Powell, che tutti noi ricordiamo in particolare per il thriller/horror “L’occhio che uccide”.
In “Volo senza ritorno” seguiamo le avventure di un gruppo di aviatori inglesi che, colpiti dal fuoco nemico mentre sorvolavano la Germania, si paracadutano in un paesino olandese, dove devono convincere la popolazione di venire in pace, fino a trovare la loro complicità contro le truppe tedesche.
Si tratta di un film piuttosto raro che tutti i cultori del cinema bellico sicuramente apprezzeranno, soprattutto per l’ambiguità con cui vengono ritratti “buoni” e “cattivi”, poi la firma di Michael Powell è un valore aggiunto non indifferente.

Autore: Roberto Giacomelli - Data: 20/05/2013 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags mosaico media, dvd, uscite maggio 2013, nuove uscite, novità, volo senza ritorno, michael powell, la folla, king vidor, l'assassino colpisce all'alba, karzan contro le donne dal seno nudo, jesus franco, lina romay, alice arno