NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

Sinister Film Vol. 9: "Un rantolo nel buio" e "Reptilicus"

Un rantolo nel buio dvdTra i numerosi titoli editati nell’estate 2013 e prima delle nuove collane che esordiranno in autunno (il gotico italiano e l’indipendente italiano contemporaneo), la specializzata Sinister Film ci ha deliziato con due titoli davvero interessanti: “Un rantolo nel buio” e “Reptilicus – Il mostro distruggitore”.

93° titolo della collana Horror d’essai, “Un rantolo nel buio” è uno psycho-thriller di quelli davvero poco conosciuti ma valevoli di essere scoperti e recuperati. Datato 1973 e diretto da William A. Fraker, che in seguito si specializzerà in serie televisive e regista anche di “La leggenda di Lone Ranger”, “Un rantolo nel buio” si presenta come un giallo dalla bella e stramba costruzione whodunit, dal momento che il colpo di scena finale è ampiamente prevedibile, salvo sorpresa imprevista che sarebbe un delitto svelare.
La storia ci racconta di Marguerite, una ragazza di sedici anni che vive segregata dentro casa insieme alla madre e alla nonna. Marguerite è molto intelligente, ma ha un carattere strano, amplificato dalla sua solitudine, tanto che ha dato una personalità al suo pupazzo Arthur, che è diventato il suo migliore amico. Quando arriva in villa Michael, il padre di Marguerite, con la sua compagna Ann per farsi firmare le carte del divorzio da sua moglie, nella ragazza si scatenano impreviste e morbose sensazioni. Inoltre la nonna di Marguerite viene uccisa da un misterioso uomo in calzamaglia, a cui seguono altre morti di cui la ragazza è convinta essere responsabile il suo pupazzo!
A metà strada tra il filone inaugurato da “Psycho” e il successivo toysploitation che vedrà protagonisti giocattoli assassini, “Un rantolo nel buio” si fa forte di una clima morboso che ne avvalora l’impianto da giallo. Fraker sa creare un’ottima atmosfera malgrado il ritmo piuttosto lento e il fiore all’occhiello di questo bel film è senza dubbio l’attrice Sondra Locke, già vista in “Willard e i topi” e in seguito in “Il texano dagli occhi di ghiaccio” e “L’uomo nel mirino”, che qui interpreta in maniera molto convincente la disturbata Marguerite.
Insomma, un titolo da recuperare per tutti gli amanti del thriller d’annata.

Reptilicus Il mostro distruggitore dvdNon da meno, anzi vero cultone del monster movie, è “Reptilicus – Il mostro distruggitore”, 67° titolo della collana Sci-fi d’essai. Caso più unico che raro di co-produzione/co-operazione tra Stati Uniti e Danimarca per un prodotto fanta-horror con tanto di film in due versioni differenti: quella americana, girata da Sidney Pink e diffusa maggiormente in tutto il mondo, e la versione danese di Poul Bang, che presenta piccole differenze soprattutto nell’azione del mostro. In DVD arriva la versione americana (quella danese non è mai uscita nel nostro paese) che ci immerge in un’atmosfera vicina a quella di altri monster movie del periodo, ma ha il valore aggiunto di presentare un ritmo molto più alto di tanti epigoni.
In seguito a una trivellazione in una zona montana danese viene rinvenuta la coda ibernata di uno strano essere che sembra appartenere all’era preistorica. Il reperto viene portato in un laboratorio per essere studiato da un team di scienziati americano e uno danese, ma un fortuito incidente causa lo scongelamento della coda, la quale ha potere rigenerante e da essa si forma l’intero rettile. Reptilicus – come gli scienziati hanno chiamato il mostro – si libera e comincia a seminare il terrore a Copenaghen.
Legandosi in maniera piuttosto evidente al filone inaugurato dal nipponico “Godzilla” (si veda la bava acida che sputa il mostro) ma pagando più di un pegno anche al bellissimo “Il risveglio del dinosauro” di Eugène Lourié, “Reptilicus – Il mostro distruggitore” (complimenti ai titolisti italiani dell’epoca per il sottotitolo!) si presenta come un divertentissimo b-movie che, malgrado la sua palese foga derivativa, si posizione ai vertici delle produzioni dello stesso filone di quel periodo. Gradevole il tocco ironico e la costruzione dei personaggi principali (in particolare le due sorelle), così come sorprende il finale aperto che lascia spazio a un ipotetico sequel … che mai arrivò. Unico punto a sfavore di “Reptilicus” è l’abuso di effetti visivi (la bava verde del mostro e le persone che vengono divorate) dannatamente grezzi e che visti oggi danno quasi fastidio per l’invasività piuttosto che creare un simpatico effetto vintage. Ma questa è una peculiarità solo della versione statunitense perché in quella danese non vi furono aggiunti tali effetti postproduttivi.

Le edizioni DVD curate da Sinister Film sono di livello piuttosto alto, come ormai ci ha abituato questa label distribuita da CG Home Video. Come spesso accade, il video risulta di qualità, malgrado i molti anni sul groppone di questi film (“Reptilicus” è addirittura del 1961) e anche l’audio, dual mono, è in entrambi molto chiaro. Nel caso di “Un rantolo nel buio” a inizio film compare il cartello che ci avvisa che potrebbero esserci delle scene in lingua originale non doppiate, cosa che infatti accade brevemente in due momenti.
Purtroppo stavolta gli extra sono al minimo sindacale con solamente il trailer cinematografico, infatti per queste uscite estive manca anche la caratteristica presentazione di Luigi Cozzi. Sarebbe stato bello, soprattutto a livello di completezza, comprendere tra gli extra di “Reptilicus” anche la versione danese del film, visto che in passato la Sinister Film ha già agito in direzioni simili.
Ovviamente entrambi i film sono proposti in versione integrale.

Caratteristiche DVD di UN RANTOLO NEL BUIO
Video: 1.85:1
Audio: Italiano, Inglese Dolby Digital 2.0
Sottotitoli: Italiano
Extra: Trailer cinematografico

Caratteristiche DVD di REPTILICUS – IL MOSTRO DISTRUGGITORE
Video: 1.37:1
Audio: Italiano, Inglese Dolby Digital 2.0
Sottotitoli: Italiano
Extra: Trailer cinematografico

Autore: Roberto Giacomelli - Data: 26/08/2013 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags reptilicus, un rantolo nel buio, sinister film, cg home video, recensione, dvd, home video