NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

"La scomparsa di Alice Creed" e "Blind", recensioni home video

La scomparsa di Alice CreedSono in vendita già da un paio di mesi, ma ci troviamo solo oggi a parlare di questi due film distribuiti in Italia da CG Home Video: “La scomparsa di Alice Creed” e “Blind”. Usciti nel nostro Paese solo in Home video, si tratta di due interessanti thriller che giocano bene con la tensione e lasciano il segno.

“La scomparsa di Alice Creed” risale al 2009 e si tratta dell’opera prima da regista dello sceneggiatore J. Blakeson, che proprio nello stesso anno aveva firmato anche la sceneggiatura di “The Descent: Part 2”. Siamo in territorio “minimal”, con soli tre attori in scena e una location quasi unica, ovvero un appartamentino della periferia urbana inglese.
La storia è presto detta. Due uomini organizzano il rapimento di Alice Creed, la giovane figlia di un ricco industriale, così da chiedere un lauto riscatto al genitore. Tutto sembra procedere bene, ma quando la ragazza riconoscerà uno dei due rapitori, le cose si cominciano a mettere male e inizia un gioco crudele in cui vittime e carnefici cominciano a confondersi i ruoli.
Evitando inutili giri di parole, possiamo dire che “La scomparsa di Alice Creed” è un film bellissimo… uno di quelli da quattro zucche qui su Horrormovie.it e sarebbe stato davvero un peccato lasciarlo inedito in Italia. Anzi, il fatto che sia uscito a distanza di ben quattro anni – con ovvio e conseguente bypass della sala cinematografica – è piuttosto grave, considerando poi che l’attrice che da volto all’Alice Creed del titolo è la bella e brava Gemma Arterton che abbiamo visto di recente in “Hansel & Gretel: Cacciatori di streghe”.
Blakeson confeziona un thriller che si mostra narrativamente stimolate, una storia molto semplice e neanche troppo originale che grazie a un ottimo script risulta avvincente e imprevedibile. E questo accade perché i colpi di scena, che sono centellinati lungo tutto il film e non solo nel finale, tengono il ritmo alto e risultano anche piuttosto imprevedibili. Non da meno sono i personaggi, solo tre, ben caratterizzati e capaci di mostrare crescita e dissidi in maniera credibile e mai banale.
Poi c’è da dire che gli attori coinvolti sono bravi e in parte; la Arterton dimostra di essere una brava attrice oltre che una bellissima donna (ma i fan sappiano che qui si mostra come mamma l’ha fatto in diverse occasioni!) ed Eddie Marsan (che di recente abbiamo visto in “Sherlock Holmes: Gioco di ombre” e “Il cacciatore di giganti”) ha un viso espressivo perfetto che il ruolo che è chiamato a sostenere.
Un gran film che va assolutamente recuperato.

Blind blu rayContinuiamo a parlare di thriller anche con “Blind”, produzione coreana datata 2011 e inserita dalla Tucker Film nella collana “Far East Film”.
Soo Ah è appena diventata agente di polizia, ma una notte, nel tentativo di sottrarre il fratellino adottivo alle sue solite scorribande, ne causa accidentalmente la morte con un incidente automobilistico, dal quale lei esce cieca. Tre anni dopo troviamo Soo Ah rassegnata al fatto di non poter proseguire la carriera in polizia e una sera, di ritorno a casa, chiama un taxi, che però ha un incidente e investe qualcuno o qualche cosa. L’autista dice alla ragazza che si tratta solo di un cane, ma l’insistenza di Soo Ah nel voler chiamare soccorsi spinge il tassista ad abbandonarla in mezzo alla strada e Soo Ah capisce che in realtà è una persona ad essere stata investita. Testimone dell’accaduto, la ragazza denuncia il fatto, ma comincia ad essere perseguitata dall’assassino, che è in realtà un killer seriale.
È la più classica delle storie quella raccontata da Sang-hoon Ahn, che ha radici fin dai tempi di “Gli occhi nella notte” con Audrey Hepurn, in cui si mette una non vedente alle prese con uno psicopatico. In questo caso il regista dell’horror “Arang” mescola la “solita” storia con un killer alla Zodiac e la contamina con la commedia (si veda il personaggio del detective imbranato), accentuando molto la ricerca di riscatto da parte di una protagonista che si sente responsabile della morte del fratellino.
Il film ha ritmo e si nota una regia davvero solida, con diversi momenti di tensione ben gestiti, ma la sceneggiatura in alcuni casi si arrampica sugli specchi per far quadrare il cerchio a tutti i costi e la storia, in fin dei conti, risente molto delle contaminazioni con il cinema hollywoodiano, più nel male che nel bene.
In corea è stato un gran successo commerciale, rientrando tra i film più visti dell’annata 2011.

La CG Home Video distribuisce insieme a Mikado “La scomparsa di Alice Creed” solo in DVD e senza contenuti extra, a parte il trailer, ennesima dimostrazione dell’infelice trattamento che il bellissimo film con Gemma Arterton ha ricevuto in Italia. A risollevare il morale c’è comunque il fatto che il DVD di “La scomparsa di Alice Creed” è molto curato sotto l’aspetto tecnico, con un’ottima resa video che non cede neanche un attimo nelle frequenti scene poco illuminate (il film è quasi tutto in interni) e l’audio in Dolby Digital 5.1 per la traccia italiana che appare chiaro e squillante.
“Blind”, che vede la collaborazione della CG con la Tucker Film, è uscito invece sia in DVD che in alta definizione Blu-ray Disc. Un’edizione che si contraddistingue per la buona varietà dei contenuti extra che comprendono un’intervista al critico cinematografico Stefano Locati, le interviste al cast e al regista, un interessante making of e i trailer della collana “Far East”.
Ottimo l’audio, che nella traccia italiana del Blu-ray è in DTS-HD 5.1, video non proprio di altissima qualità, vista la presenza di una leggerissima patina sull’immagine.

Caratteristiche Blu Ray Disc di BLIND
Video: HD 1080p (16:9)
Audio: DTS-HD MA 5.1 Italiano, Coreano; Dolby Digital 5.1 Italiano; Dolby Digital 2.0 Italiano, Coreano.
Sottotitoli: Italiano, Italiano non udenti
Extra: “Tra Hollywood e la Corea”, intervista a Stefano Locati; Interviste; Making of; Trailers

Caratteristiche DVD di LA SCOMPARSA DI ALICE CREED
Video: 2.35:1 (16:9)
Audio: Dolby Digital 5.1 Italiano
Sottotitoli: Italiano, Italiano per non udenti
Extra: Trailer

Autore: Roberto Giacomelli - Data: 27/08/2013 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags la scomparsa di alice creed, gemma arterton nuda, mikado, dvd, blind, arang, far east, blu ray, tucker film, recensioni, cg home video