NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

Trovato il regista per il remake di "Cimitero vivente"

Cimitero viventeTornano notizie riguardo “Pet Sematary” il nuovo adattamento dal romanzo di Stephen King annunciato già da tempo.
Inizialmente si era fatto il nome di Alexandre Aja, regista di “Piranha 3D” e “Le colline hanno gli occhi” per dirigere la nuova versione del terrificante romanzo zombesco di King, notizia poi lasciata a prendere polvere nei database di molti siti web. Ora però arriva l’annuncio ufficiale su chi siederà dietro la macchina da presa e, di conseguenza, lo status di priorità del progetto per la Universal Pictures.

Il regista del nuovo “Pet Sematary” sarà lo spagnolo Juan-Carlos Fresnadillo, già autore del riuscitissimo “28 settimane dopo” e del mediocre “Intruders”, nonché recentemente contattato per dirigere il reboot de “Il Corvo”, a cui però ha rinunciato.
A produrre il film saranno Lorenzo di Bonaventura e Steven Schneider, mentre lo script è stato curato da Matt Greenberg (“Halloween 20 anni dopo”, “1408”) e David Kajganich (“Invasion”).

Vi ricordiamo che il romanzo di King, edito in Italia da Sperling & Kupfer, parla della famiglia Creed che si trasferisce vicino a un vecchio cimitero indiano dove, si dice, se vengono sepolti i morti poi questi tornano in vita. Quando muore il gatto di famiglia, Louis Creed decide di seppellirlo nel cimitero indiano e con sorpresa vede tornarlo a casa… ma quel gatto non è più lo stesso!
Il romanzo di King è già stato adattato per il grande schermo nel 1989 con il bellissimo “Cimitero vivente” di Mary Lambert, che a sua volta ha avuto un sequel nel 1992 diretto dalla stessa regista.

Autore: Roberto Giacomelli - Data: 04/11/2013 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags cimitero vivente, pet sematary, louis creed, church, zombi, stephen king, morti viventi, mary lambert, remake, juan carlos fresnadillo, 28 settimane dopo