NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

"Futureworld" e "Striscia ragazza striscia" in Blu-ray per Pulp Video

FutureworldLa Pulp Video, nota etichetta specializzata in cinema cult di genere, distribuita da CG Home Video, ha recentemente distribuito in DVD e Blu-ray disc due film che gli appassionati di horror e fantascienza senz’altro apprezzeranno: “Futureworld – 2000 anni del futuro” e “Crawlspace – Striscia ragazza striscia”.

Forte del grande successo di “Westworld”, conosciuto in Italia come “Il mondo dei robot”, diretto da Michael Crichton nel 1973 e tratto dal suo omonimo romanzo, “Futurworld” arriva tre anni dopo e si pone come sequel del cult con i robot ribelli. La mano di Crichton non c’è più e si vede perché le intuizioni geniali e – all’epoca – originali del primo film qui lasciano il passo a un discorso che va a ripercorrere strade già solcate abbondantemente altrove, quando la Guerra Fredda era cominciata da poco e influenzava l’immaginario fantascientifico cinematografico.
In “Futureworld” si racconta la riapertura di Delos, l’avveniristico parco giochi che era finito sotto i riflettori della cronaca dopo che, alcuni anni prima, era stato teatro di una sanguinosa rivolta dei robot che vi erano impiegati come attrazioni turistiche. Per riscattare la pessima fama del parco, i dirigenti di Delos invitano alla riapertura alcuni influenti giornalisti per far si che scrivano positivamente dell’evento. Provvisto di una nuova attrazione tematica dedicata ai viaggi spaziali, Delos continua ad impiegare i robot sia come figuranti dei quattro mondi ricostruiti, sia come operai e questa cosa già insospettisce Chuck Browning (Peter Fonda) e Tracy Ballard (Blythe Danner), i due giornalisti che si stanno impegnando a trovare il marcio che sta dietro questa nuova apertura del parco giochi. Ovviamente i due scoveranno una realtà ancora peggiore di quello che avrebbero potuto immaginare.
Mancante dell’idea forte che stava alla base del film precedente, che qui si banalizza con un risaputo tentativo di conquista dei vertici del potere tramite “sostituzione” di ultracorpiana memoria, a “Futureworld” manca il ritmo e dei personaggi sufficientemente forti e carismatici da riuscire a far immedesimare gli spettatori. Dalla sua ha però un merito storico/tecnologico: se già “Il mondo dei robot” si era distinto perché è stato tra i primissimi esempi di film che faceva uso di grafica computerizzata, “Futureworld” rincara la dose e segna il record di essere stato il primo film ad aver usato la CGI 3D.

“Futureworld – 2000 anni nel futuro” era già stato distribuito diversi anni fa in DVD sempre dalla Pulp Video, che oggi lo ristampa sullo stesso supporto e per la prima volta anche in Blu-ray disc. Noi abbiamo esaminato proprio la versione in alta definizione constatando la bontà di quest’edizione.
Come in altri casi Pulp Video, il film presenta alcune scene in lingua originale sottotitolate in italiano, testimoniando così sia l’integralità del film che l’utilizzo della traccia audio d’epoca. L’audio si comporta molto bene, con doppia traccia italiana – sia mono che stereo in 5.1 – e un video di ottima qualità, soprattutto se consideriamo i quasi quarant’anni del film. Extra ridotti all’osso, con la sola gallery fotografica.

Striscia ragazza striscia“Crawlspace”, che in Italia tutti conosciamo come “Striscia ragazza striscia”, è un piccolissimo film di produzione italo/americana noto sul finire degli anni ’80, quando Klaus Kinski era diventato reuccio incontrastato del b-movie horror. A mettere il marchio produttivo è Charles Band con la sua Full Moon, qui in collaborazione con Roberto Bessi, mentre a scrivere e dirigere il tutto c’è David Schmoeller, che nel 1979 aveva già diretto il riuscitissimo “Horror Puppet” e nel 1989 avrebbe dato il via all’infinita saga cult di “Puppet Master”.
“Striscia ragazza striscia” racconta l’ossessione di Karl Guenther (Klaus Kinski) per le sue inquiline. Ex torturatore nazista e proprietario di una palazzina, l’uomo spia attraverso un condotto di ventilazione le ragazze a cui ha affittato gli appartamenti. Nel frattempo rapisce donne e le sevizia nel solaio.
L’idea del torturatore nazista, schiavo della sua ossessione e del suo passato, ancora in attività malgrado i tempi siano decisamente diversi, è buona e Klaus Kinski ci mette tutta la sua professionale caratura da caratterista. Il film però non riesce ad esplicare al meglio il buon soggetto di partenza, procede lento e ripetitivo, esplodendo solo nel finale claustrofobico in cui si da finalmente spazio alla follia del protagonista.

“Striscia ragazza striscia” esce per la prima volta in formato digitale dopo una comparsa in VHS tra gli anni ’80 e ’90. Il film è proposto dalla Pulp Video in DVD e Blu-ray disc e quest’ultima edizione si lascia apprezzare per il buon trattamento riservato dall’etichetta distributiva. Video sufficientemente limpido che si comporta adeguatamente anche nelle frequenti scene buie, utilizzando a dovere i contrasti. Buon audio in Dolby Digital 5.1 per la traccia italiana ed extra che comprendono una gallery fotografica e tre trailer cinematografici.

FUTUREWORLD – 2000 ANNI NEL FUTURO di Richard Theffron
Formato: Blu-ray Disc (Disponibile anche in DVD)
Etichetta: Pulp Video
Video: 1.85:1 HD 1080p
Audio: Dolby Digital 5.1 Italiano. 2.0 Italiano, Inglese
Sottotitoli: Italiano
Extra: Gallery fotografica

CRAWLSPACE – STRISCIA RAGAZZA STRISCIA di David Schmoeller
Formato: Blu-ray Disc (Disponibile anche in DVD)
Etichetta: Pulp Video
Video: 1.85:1 HD 1080p
Audio: Dolby Digital 5.1 Italiano. 2.0 Italiano, Inglese
Sottotitoli: Italiano
Extra: Gallery fotografica, Trailers

Autore: Roberto Giacomelli - Data: 20/06/2014 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags Futureworld, 2000 anni nel futuro, westworld, il mondo dei robot, michael chricton, sequel, delos, crawlspace, striscia ragazza striscia, klaus kinski, blu ray disc, dvd, home video, pulp video, cg home video, recensione