NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

Fantafestival Daily: Giorno 4 tra esorcismi e leggende provenienti dalla Campania

asmodexia Quella che alla vigilia doveva essere la giornata più anonima, o almeno più di routine, di questa edizione del Fantafestival si è rivelata invece quella più ricca di cose da vedere con una qualità media dei prodotti più che soddisfacente. Nonostante l’assenza di omaggi, premi alla carriera e anteprime serali da urlo, infatti, il pubblico ha potuto assistere a storie di esorcismi e di stregonerie che, come sempre accade, hanno esercitato una forte presa e destato anche qualche brivido dietro la schiena ai presenti in sala.

Ad aprire il programma pomeridiano è stato “Asmodexia” dell’esordiente Marc Carreté. Il regista spagnolo cambia completamente le prospettive classiche con cui fino ad oggi si era abituati a trattare la tematica dell’esorcismo, creando un giusto mix tra l’universo del cattolicesimo e quello dei Maya e della loro famosa profezia sulla fine del mondo che sarebbe dovuta avvenire il 21 Dicembre 2012. Messe da parte le esagerazioni e le movenze fracassone dei film americani, “Asmodexia” si mette in mostra per una regia raffinata ed in alcuni punti volta a cercare il pezzo di bravura e l’inquadratura geometrica a tutti i costi. Se non fosse stato per una parte centrale un po’ troppo confusionaria e con troppo carne a cuocere, avremmo parlato di un ottimo film. L’esito è comunque più che buono.

beautiful people
Alle 20,30 è stata la volta di “Beautiful People”, il titolo della giornata proposto per la “Prospettiva Italia”. Un film che parte come un home invasion dallo svolgimento piuttosto classico e si trasforma in uno zombie movie abbastanza truculento e dai risvolti apocalittici. Nell’impostazione generale il film diretto da Amerigo Brini e scritto dal fumettista Andrea Cavaletto ricorda “Il mago del terrore” di Lamberto Bava nel modo in cui la violenza da sequestro sfocia nel soprannaturale. Seppur privo di quel mordente che possa farlo realmente ricordare e emergere dalla massa, “Beautiful People” ha comunque il pregio di intrattenere con gusto, grazie a un susseguirsi di situazioni violente che sfociano spesso e volentieri nello splatter.
Attori capaci, make-up zombesco efficace ma qualche tempo morto di troppo. Comunque riuscito.

La vera sorpresa di giornata, però, è arrivata in tarda serata e a confezionarla è stato il regista campano Roberto Bontà Polito. janara
Il suo “Janara”, infatti, è un piccolo gioiello che gioca tutte le sue carte su una leggenda originaria di una terra già di per sé popolata di molte storie macabre come la Campania, in particolar modo la zona del beneventano. Atmosfere inquietanti, un’ottima gestione della tensione e gli ottimi trucchi del maestro Sergio Stivaletti concorrono alla buona riuscita di un film che, seguendo le orme del recente “Controra” di Rossella De Venuto, rinvigorisce il rapporto tra il cinema horror e il folkrore popolare. Le uniche note stonate provengono da un parco attoriale non sempre all’altezza e da alcuni dialoghi ingenui che hanno lasciato scappare anche qualche risatina in sala. Il risultato, anche in questo caso, rimane lo stesso più che positivo e Bontà Polito si candida come uno dei possibili talenti emergenti del panorama nazionale.

Autore: Vincenzo De Divitiis e Roberto Giacomelli - Data: 26/06/2015 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags Fantafestival 2015, janara, beatiful people, asmodexia, stregoneria, esorcismi