NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

TOHorror Daily : Giorno 1 tra una rivelazione spagnola e uno spietato poliziotto americano

tohorrordaily La XV edizione del TOHorror Film Fest è iniziata con una variatissima ed interessante programmazione. Film d'apertura per il concorso lungometraggi, Pos Eso, commedia d'animazione firmata dal regista spagnolo Sam, che narra la storia di Trini, famosissima ballerina di flamenco caduta in disgrazia dopo la morte del marito e ora alle prese con un figlio posseduto dal demonio. Risate assicurate e anche un po' di fierezza italiana visto che una delle principali animatrici della pellicola in clay-motion è Anna Ciammitti che sfortunatamente non è potuta essere presente per introdurre il film per motivi di lavoro. Pos Eso è una gioia per gli occhi sia per chi ama lo stile particolare della clay-motion ma anche per i fan del genere horror in generale con le innumerevoli citazioni ai classici sparse per tutta la pellicola e che rappresentano la chicca finale in un film che è riuscito a conquistare il favore del pubblico in sala.

La serata è continuata con un assaggio del concorso cortometraggi: sorpresa della serata 'The Rat's Dilemma' cortometraggio israeliano del giovane regista Naor Meningher che, ancora studente, è riuscito a creare un'opera onesta e ben strutturata nonostante le poche risorse economiche a disposizione, narrando la storia di uno scienziato ebreo prigioniero in un campo di concentramento nazista che viene sfruttato per costruire un prototipo di teletrasporto. Il dilemma? Servire la scienza aiutando così i nazisti o sacrificare il proprio lavoro? tohorror

In seconda serata il lungometraggio 'Fury: Tales of Ronan Pierce', film diretto dallo statunitense Kevin McCarthy, tratto dall'omonimo fumetto, con protagonista un poliziotto che ha smesso di giocare secondo le regole in una città che di regole ormai non ne ha più e che vuole solo vendetta e un po' di giustizia. Le ambientazioni dalla fotografia esagerata ricordano un po' lo stile di Sin City e in fondo non è l'unico elemento che ricorda l'opera di Frank Miller e Robert Rodriguez, senza però spingerci a definire il film di McCarthy un tentativo di copia ma piuttosto un tributo che è riuscito a trovare una sua identità grazie ai molti personaggi ben sviluppati anche quando presenti solo per poche scene. La visione di Fury scorre piacevolmente tra azione, violenza e un sacco di parolacce senza annoiare mai lo spettatore con momenti morti o risvolti scontati.

Autore: Alessia Gasparella - Data: 08/10/2015 -
Contatto: redazione@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags Tohorror daily, pos eso, Fury: tales of ronan pierce