NEWS

H.M.D.B. |

DVD |

RUBRICHE |

SHOP |

FORUM |

VIDEOS |

La lunga estate della paura: Guida a tutti gli horror al cinema da Giugno ad Agosto

Un tempo l’estate era un periodo buio per il cinema: gli esercenti chiudevano le sale, la distribuzione si bloccava e i dipendenti cronici da cinema dovevano accontentarsi degli scarti di distribuzione proiettati in qualche temeraria saletta nelle grandi città, oppure di qualche replica di un successo invernale, spesso nelle arene all’aperto. Così, per poter rivedere un film atteso e “nuovo” sul grande schermo bisognava aspettare spesso la seconda settimana di Settembre.
Ma questa ormai è storia e anche in Italia il mercato cinematografico è prosperoso anche nei mesi estivi, portando sugli schermi anche importanti blockbusters che spesso escono in contemporanea sugli schermi di tutto il mondo. Ma la questione singolare è che ormai da qualche anno l’estate è anche la stagione che porta più horror in sala, film spesso minori, ma anche dei titoli di punta per il genere. E questo 2008 non fa eccezione, tanto che sono già stati annunciati una ventina di titoli, tra horror puri, thriller a forti tinte e fantasy comunque attinenti al nostro genere. Tra remake di ghost story orientali, presagi apocalittici, virus di varia natura e thriller più intimistici, sembra essercene proprio per tutti i gusti.
Qui di seguito sono elencati tutti gli horror e derivati che vedranno luce nelle nostre sale nei prossimi mesi, fino ad Agosto. Naturalmente bisogna tenere conto che le date, seppur siano quelle annunciate dalle case di distribuzione, sono ancora del tutto indicative e alcuni titoli potrebbero subire uno slittamento.
Buona visione!

4 Giugno.
“Chiamata senza risposta” di Eric Valette. Remake a stelle e strisce del giapponese “The Call”, opera più “commerciale” ma non meno riuscita del prolifico Takashi Miike. Qui il timone è nelle mani dell’importato (dalla Francia) Valette, autore del surreale “Maléfique”, che si trova alle prese con fantasmi vendicativi che propagano la propria mortifera maledizione attraverso telefoni cellulari. Originale, eh?

12 Giugno.
“E venne il giorno” di M. Night Shyamalan. Il celeberrimo regista di “Il Sesto Senso” e “Signs” torna al brivido dopo la pregevole fiaba “Lady in the Water” e lo fa con un film che mette in scena suicidi di massa e virus apocalittici come metafora della rivolta della natura. Per la prima volta Shyamalan è vietato ai minori!

27 Giugno.
“Rovine” di Carter Smith. Da un bestseller di Scott Smith si fa film la storia di un gruppo di turisti americani che, in cerca di avventura e relax in Messico, sono costretti ad affrontare erbacce pestifere e carnivore in un tempio Maya. Gli americani hanno apprezzato.

“Dante 01” di Marc Caro. Arriva dalla Francia ed è più prossimo al genere fantascientifico. Si narrano le vicende di un gruppo di criminali interspaziali rinchiusi in una prigione di massima sicurezza e sottoposti a sevizie ed esperimenti di ogni sorta. I criminali si liberano e cominciano una rivoluzione sotto la guida di Cesar, il più feroce…anche se St.George, un prigioniero dotato di strani poteri, sembra voler prendere le redini della situazione.

4 Luglio.
“Boogeyman 2 – Il ritorno dell’uomo nero” di Jeff Betancourt. Il primo film è stato il fetente esordio della Ghost House Pictures, questo sequel in America l’hanno fatto uscire direttamente in home video, ma da noi, visto il successo del primo film, passa prima al cinema. Stavolta ad essere perseguitata dall’uomo nero è una ragazza che, per combattere le sue paure, si fa ricoverare in un istituto per l’igiene mentale. Ma vi pare che l’uomo nero può essere fermato da qualche dottorino?

“Perfect Creature” di Glenn Standring. Uomini e vampiri coesistono pacificamente, ma un uno strano virus comincia a mietere vittime e un vampiro ribelle scopre quanto siano buone le giugulari umane. Dicono che l’horror in questa pellicola neo zelandese non sia predominate, malgrado si parli di vampiri.

“Signal” di David Bruckner, Dan Bush e Jacob Gentry. Tre registi mettono insieme tre storie e ne fanno un unico film che parla di un virus (ancora?) che si trasmette attraverso onde audio e video…in pratica attraverso i mezzi di comunicazione di massa. Chi le guarda o ascolta è colto da raptus omicida.

11 Luglio.
“La morte di Ian Stone” di Dario Piana. Dal regista italiano del famigerato “Sotto il vestito niente 2” arriva un bizzarro horror che racconta la storia di un ragazzotto che non fa altro che morire e risvegliarsi in un nuovo corpo per…morire di nuovo. Bizzarro, piuttosto e anzichenò.

“Che la fine abbia inizio – L’ultimo giorno di scuola e il primo incontro con la morte” di Nelson McCormik. Dal titolo sembra una barzelletta, invece è il remake di “Prom Night – Non entrate in quella casa”. Nell’originale c’era Jamie Lee Curtis che veniva perseguitata da un killer in calzamaglia bramoso di vendetta, qui c’è la Brittany Snow di “Hairspray” che viene perseguitata da un maniaco che l’aveva già presa di mira tempo prima.

“Funny Games” di Michael Haneke. Remake dell’omonimo film austriaco del ’97, diretto dallo stesso Haneke. Una famigliola in vacanza sul lago viene presa in ostaggio da due ragazzi di buona famiglia che li sottopongono a sevizie e umiliazioni. L’originale era un vero pugno nello stomaco, vedremo cosa avrà da offrire la versione a stelle e strisce oltre ad un cast di primo ordine (Naomi Watts, Tim Roth, Micahel Pitt).

“Joshua” di George Ratliff. “La piccola peste” incontra “La bambola assassina”, ma il film è serissimo, con venature altamente drammatiche. Si racconta del bambino del titolo che comincia a diventare cattivo e crudele dal momento che un fratellino appena nato cattura l’amore e l’attenzione dei genitori.

16 Luglio.
“Hellboy II – The Golden Army” di Guillermo Del Toro. Sequel di “Hellboy”, il bel fanta-horror (molto più fanta che horror) che Del Toro portò sullo schermo nel 2004 ispirandosi ad un fumetto di culto. In questo sequel il diavolone dalle corna piallate deve vedersela con il Principe delle creature dei boschi, un essere demoniaco che vuole risvegliare un’orda di mostri fiabeschi e distruggere l’umanità. Quando l’horror lascia decisamente spazio al fantasy.

25 Luglio.
“-2: Livello di terrore” di Frank Khalfoun. In originale si intitola semplicemente “P2” e non è una loggia massonica, ma il secondo piano sotterraneo di un edificio, dove c’è il parcheggio. Un’impiegata è rimasta a lavorare in ufficio fino a tardi proprio la vigilia di Natale ed è l’ultima ad andare via in un edifico completamente deserto. Ma il custode del parcheggio vorrebbe approfittare della sue grazie. Produce Alexandre Aja.

1 Agosto.
“Il nome del mio assassino” di Chris Sivertson. Una ragazza viene rapita e mutilata da un maniaco, ma riesce a fuggire e viene portata all’ospedale, dove viene scambiata per la figlia di un coppia importante, scomparsa da qualche giorno. Malgrado la ragazza dica di non essere la persona da tutti creduta i medici pensano che stia mentendo a causa del trauma subito. Ma la vera figlia della coppia bene è in una situazione da incubo. In America questo film ha fatto parlare di se solo per le scene sexy che vedono coinvolta Lindsay Lohan. Ci sarà anche qualche altro motivo d’interesse in questo thriller?

“Nella rete del serial killer” di Gregory Hoblit. Il regista di “Il tocco del male” e “Schegge di paura” racconta la storia di una detective (Diane Lane) sulle tracce di un serial killer che gestisce un sito web in cui fa scommettere gli utenti sull’orario della morte delle sue vittime. Ricorda molto “Feed” senza il gusto per la perversione, vero?

“Ombre dal passato” di Masayuki Ochiai. Un altro remake di un altro horror orientale con fantasma vendicativo. Stavolta l’origine è “Shutter” un riuscitissimo ghost movie tailandese del 2004 che vede protagonisti una coppia di ragazzi che investono con l’auto e uccidono una donna, vedendola poi manifestarsi nelle loro fotografie. Nel ruolo principale il Joshua Jackson di “Dawson’s Creek”.

22 Agosto.
“X-Files: Voglio crederci!” di Chris Carter. Tornano al cinema gli agenti dell’F.B.I Mulder e Scully, a distanza di 10 anni dal primo lungometraggio cinematografico e a distanza di 6 anni dalla chiusura del serial televisivo. Stavolta l’ormai chiusa sezione investigativa dedita ai casi inspiegabili deve vedersela con donne scomparse in una zona rurale, resti umani decisamente anomali ritrovati nello stesso luogo delle sparizioni e un esperimento medico dagli oscuri esiti. Forse l’alchimia di generi del serial tv ha ancora qualche cosa da offrire. Vogliamo crederci?

“Shrooms – Trip senza ritorno” di Paddy Breathnach. Horror irlandese a basso budget che racconta le avventure di un gruppo di amici intenzionati a farsi una grande scorpacciata di funghetti allucinogeni e vanno a cercarli in un bosco dell’Irlanda, dove si dice che ce ne siano degli ottimi. Solo che nello stesso luogo le leggende vogliono che abitino esseri abominevoli. Neanche a dirlo, i ragazzi si troveranno faccia a faccia con mostri vari. Allucinante…

29 Agosto.
“Doomsday” di Neil Marshall. Stavolta siamo decisamente in territori action-fantascientifici, ma il regista è quel geniaccio che ci ha regalato gioiellini del calibro di “Dog Soldiers” e “The Descent”. Il solito virus mortifero (che si chiama Mietitore) si diffonde in Gran Bretagna, nessuno trova una cura e così si decide di mettere in quarantena le isole britanniche e separarle dal resto del mondo. Dopo 30 anni il Mietitore torna a far danni altrove e le autorità mandano un gruppo di temerari nella zona che trenta anni prima era stata messa in quarantena per trovare una soluzione. Ciò che si agita nella zona proibita, però, è un vero incubo per i nostri eroi! In America è stato un flop.

Autore: Roberto Giacomelli - Data: 01/06/2008 -
Contatto: roberto.giacomelli@horrormovie.it

Registrati al forum e commenta la news

NEWSLETTER 
Inserisci la tua e-mail per ricevere tutti gli aggiornamenti!

 

Nome

E-mail


Iscriviti
Cancellati

Tags cinema horror, estate 2008, giugno, luglio, agosto